My blog is in two languages - English and Italian: I’m some kind of hybrid. I was born and raised in Italy (Sardinia), but I’ve lived almost half of my life in the UK. So, I’m kind of 50/50. I hope I’ve managed to keep the best of my Italianity and acquired the best of Englishness. But it’s possible that I’ve kept the worst of each, who’s to say?


Il mio blog è in due lingue - inglese e italiano: sono una specie di ibrido. Sono nata e cresciuta in Italia (Sardegna), ma ho vissuto quasi la metà della mia vita in Inghilterra. Quindi sono circa 50/50. Spero di esser riuscita a mantenere il meglio della mia Italianità e di aver acquisito il meglio dell’Inglesità. Ma è possible che abbia mantenuto il peggio di ciascuna, chi può dirlo?




My blog has moved
Il mio blog si è trasferito

September 18th, 2013

My blog has moved

Hello Guys,

As of September 2013, I have a new author’s website, so my blog is now hosted there.

Feel free to read my old posts here, if you wish. Thank you to everyone who contributed with their comments.

Il mio blog si è trasferito

Salve ragazzi

Da settembre 2013, ho un nuovo sito come autrice, quindi il mio nuovo blog si trova là.

Qua potete ancora leggere i miei vecchi articoli, se volete. Ringrazio coloro che hanno contribuito in passato coi loro commenti.



Leave a comment

Incompatible Twins: help needed!
Gemelle Incompatibili: ho bisogno di aiuto!

July 31st, 2013

Incompatible Twins: help needed!

My next book, Incompatible Twins, is almost ready to be published.

I finished the English version in June, and recently it has beentranslated by wonderful Simona Manca into Italian.
Now, another exciting part is coming, before I can publish it: I need to choose the book cover. Easy? Maybe not.
My friend Siv Lien is a top class designer/artist and has drafted not one, but four different versions of my book cover. Guess what? I like them all. OK, maybe there is one which I favour slightly,but I’m biased, so I find it difficult to be objective. Therefore, I need your help.

First of all, let me tell you a little about the book.

Lucy and Poppy are identical twins. They are in their twenties and live in London. Even though they look similar, their personalities are quite different, if not opposite. Poppy has been travelling the world after graduating, whilst Lucy has settled down, got a job and bought a lovely flat. The only thing missing in Lucy’s life is romance. Poppy offers to help. After all, she’s seen the whole world so surely she knows how to handle this? The perils of metropolitan London prove harder than those of the Columbian jungle. Poppy soon realizes that finding Mr Right for her sister will take a lot more than she bargained for, but she’s not going to give up. This is more a chick-lit novella than a romance novel. The love–hate relationship of the twins is evident in their humorous conversations, and will make you wonder who to root for – Poppy or Lucy. There’s only one way to find out.

And below are the suggested book covers.

In August I’m also planning to launch my new author website.
In my new website, there will also be an option to sign up to my newsletter. Don’t worry, I will only send my newsletter out 3-4 times a year, usually when I have something new to tell my readers.

Anyway, people who sign up to my newsletter will receive Incompatible Twins as a free ebook.
There are readers who prefer paperbacks, that is fine too: they can order the printed book from Amazon.

So, are you ready to vote now? Which book cover would you choose? And for what reasons?

Gemelle Incompatibili – ho bisogno di aiuto!

Il mio prossimo libro, Gemelle Incompatibili, sarà pubblicato a breve. Ho completato la versione in inglese a giugno, e di recente la favolosa Simona Manca ha finito di tradurlo in italiano.

Adesso viene un’altra parte eccitante, prima della pubblicazione: devo scegliere la copertina. Facile? Forse no.
La mia amica Siv Lien, che è un’artista/designer top class, ha creato non una, ma ben quattro copertine, in modo da consentirmi di scegliere. Indovinate un po’? Mi piacciono tutte. OK, forse ce n’è una che preferisco, ma di poco, rispetto alle altre. È difficile per me essere obbiettiva, visto che sono di parte. Quindi, ho bisogno del vostro aiuto.

Prima di tutto, vi racconto un po’ del libro.

Lucy e Poppy sono due ventenni, vivono a Londra e sono gemelle. Anche se identiche nell’aspetto, le loro personalità sono piuttosto diverse, se non diametralmente opposte. Poppy ha deciso di viaggiare per il mondo, dopo la laurea, mentre Lucy ha trovato un bel lavoro e ha acquistato un grazioso appartamento. L’unica cosa che manca nella vita di Lucy è una storia d’amore e Poppy si offre di aiutarla. Dopotutto, lei ha visto tutto il mondo, quindi che problemi dovrebbe comportare un compito così semplice? Però le insidie della Londra metropolitana sono più rischiose di quelle della giungla colombiana e Poppy si rende ben presto conto che trovare il tipo giusto per sua sorella richiede molti più sforzi di quanto pensasse. Ma lei non si arrende. Questo breve libro è più un chick-lit che un romanzo rosa. Il rapporto amore-odio tra le gemelle trapela dalle loro conversazioni divertenti e vi metterà di fronte ad una scelta difficile: da quale parte stare? Poppy o Lucy? C’è solo un modo per scoprirlo.

E qui sotto, siete pronti? Ecco le quattro copertine.

Ad agosto conto di inaugurare il mio nuovo sito web da scrittrice. Nel nuovo sito ci sarà l’opzione di iscriversi alla mia newsletter. Non vi preoccupate, conto di spedirla solo 3-4 volte all’anno, lo farò quando avrò qualcosa di nuovo da raccontare ai miei lettori.
In tutti i casi, le persone che si iscrivono alla newsletter riceveranno il mio ebook Gemelle Incompatibili gratis.
Per i lettori che preferiscono leggere i libri in formato stampato, Gemelle Incompatibili potrà essere ordinato anche da Amazon.

Allora, siete pronti a votare? Quale copertina preferite? E per quali ragioni?



Leave a comment

When you really enjoy reading
Quando leggere è un vero piacere

July 10th, 2013

When you really enjoy reading

When do you normally read? Bedtime? Daytime? How often?

I recently took some time off work and decided to catch up on my reading. Reading is a real luxury for me, something I normally do before bedtime. The idea is to read for half hour, but I usually end up being caught up in the story and go well over the limit, which means less sleep. But then, we have plenty of time to sleep when we’re dead.

So I managed to read four books in a short span of time. They were all written by self-published authors, and I must admit, they were all great books. Here’s what I read:

———————————————————————————————————-

Cutting Right to the Chase by Stefania Mattana
This is a collection of six short stories about unusual crimes that take place in a medieval city in Italy. Chase Williams is a British ex police officer who happens to witness these crimes – and with his intuition, dry sense of humour and talent, ends up being involved in these cases, often unwillingly. It was really entertaining to read these stories, and see Italy with the eyes of a British expat.

———————————————————————————————————-

Deserto Rosso – Nemico Invisibile by Rita Carla Francesca Monticelli
This is the third book of a four part series. It’s a thriller set in Mars. I don’t normally read sci-fi novels, but this hooked me from the first episode. The protagonist, Anna Persson, takes part in a mission to colonise Mars, together with four other colleagues. But strange things start to happen from the start, including the inexplicable death of some of the crew. Nemico Invisible is the longest of the three books so far, but it grips you at every page, you heart races together with Anna’s in thrilling non-stop action. Would be great turned into a film.

———————————————————————————————————-


Saving Saffron Sweeting – by Pauline Wiles
This is the book closest to the genre I write, so it really resonated with me. It tells the story of Grace, an English woman who lives in California with her husband. When she finds out that her husband has had an affair, her whole world is shattered and she decides to leave America and come back to England. She moves to a tiny village in East Anglia, which happens to be the area where I live :-)
I loved the description of the places, the life in a typical British village and the great sense of humour that pervades throughout the whole novel. I couldn’t put this book down and I was very sad when I finished reading it, as I wanted it to go on forever.

———————————————————————————————————-


A Cry in the Shadows – by Giulia Beyman
This is a mystery/thriller novel. It tells the story of Susan, who has lost her sight after a car accident. One evening her daughter Margot disappears and soon Susan finds out that her child has been kidnapped. She suspects this may be connected with the murder of her friend and neighbour Alexandra. Susan is desperate and seeks the help of a local police officer, as well as her aunt Nora who lives in America. Nora has disturbing visions that are related to Margot’s disappearance and tries to figure out how these can help save Margot, from such a long distance.

———————————————————————————————————-

As a mother myself, I could only try and imagine the utter despair of having your child taken away from you and not knowing what’s happened to them. On top of that, you have the added stress of being blind and not being able to see the world around you, missing important clues, not noticing what would be evident to others. I found myself wanting to help Susan, tell her where to go, who to call for help, because she felt so vulnerable. And yet she’s a strong heroine, determined to get her daughter back at any cost. It’s an amazing story, I was often reading until 1:30 am and couldn’t put the book down.

I have read many books in my life and more recently I’m reading books written by indie authors, writers who self-publish their own work. Such writers are often criticized for being inferior to traditionally published ones, but I haven’t found this to be the case, so far.

I am enjoying discovering all these new authors who haven’t published in the traditional way and I’m finding that their stories are often very original and different from mainstream books that you see on the bookshop windows.

What about you? Have you read any books by self-published authors? How did you find them?

Quando leggere è un vero piacere

Quando leggete di solito? Prima di andare a dormire? Durante la giornata? Con quale frequenza?

Ultimamente ho preso alcuni giorni di ferie e ho deciso di dedicare parecchio tempo alla lettura. In genere leggere è un lusso per me; lo faccio prima di andare a dormire. L’idea è di leggere per mezz’oretta circa, ma di solito vengo così coinvolta dalla storia che finisco per andare ben oltre il limite, il che significa dormire di meno. Comunque alla fine che importa? Avremo un sacco di tempo per dormire dopo morti.

Così sono riuscita a leggere quattro libri in poco tempo. Sono stati scritti da autori self-published (auto-pubblicati), e devo ammettere che erano tutti degli ottimi libri. Ecco cosa ho letto:

———————————————————————————————————-

Cutting Right to the Chase di Stefania Mattana
È una collezione di sei brevi racconti di reati o crimini, piuttosto inusuali, che accadono in una città medievale italiana. La cosa curiosa è che sono raccontati dal punto di vista di Chase Williams, che è un ex poliotto inglese che lavorava per Scotland Yard ma ora vive in Italia. Chase si ritrova, spesso suo malgrado, coinvolto in queste vicende, e il suo intuito, talento e sense of humour lo aiutano a capire e risolvere i vari casi che ha davanti. È stato un vero piacere leggere questi racconti e vedere l’Italia con gli occhi ironici di un British guy.

———————————————————————————————————-

Deserto Rosso – Nemico Invisibile di Rita Carla Francesca Monticelli
Questo è il terzo libro di una serie di quattro episodi. È un thriller ambientato su Marte. Di solito non leggo fantascienza, ma questo libro mi ha appassionato fin dal primo episodio. La protagonista, Anna Persson, fa parte di una missione per colonizzare il pianeta Marte, insieme a quattro colleghi. Cose strane iniziano a verificarsi dall’inizio, come la morte inspiegabile di alcuni del team. Nemico Invisibile è il più lungo dei tre episodi finora, ma ti tiene incollato ad ogni pagina, il tuo cuore batte veloce insieme a quello di Anna che viene coinvolta in una serie di vicende appassionanti e senza sosta. Sarebbe grande se ne facessero un film.

———————————————————————————————————-

Saving Saffron Sweeting – di Pauline Wiles
Questo libro, come genere, è il più simile a quello che scrivo, quindi ha avuto un effetto particolare su di me. La protagonista, Grace, è una donna inglese che vive insieme al marito in California. Quando scopre che suo marito l’ha tradita, le crolla il mondo addosso e decide di lasciare l’America e tornare in Inghilterra.
Si trasferisce in un paese dell’East Anglia, che guarda caso è proprio la zona dove abito :-)
Mi sono piaciute un sacco le descrizioni dei paesaggi e delle varie località, la tipica vita di un paesino inglese, e il sense of humour che permeava l’intera storia. Non riuscivo a metter giù questo libro e mi sono sentita un po’ triste quando ho finito di leggerlo, in quanto speravo che andasse avanti all’infinito.

———————————————————————————————————-

Luce dei miei occhi di Giulia Beyman
Questo libro è un incrocio tra mystery e thriller. Si racconta la storia di Susan che ha perso la vista dopo un incidente stradale. Una sera, sua figlia Margot sparisce e Susan scopre che è stata rapita. Lei sospetta che il rapimento abbia a che fare con l’uccisione della sua amica e vicina di casa Alexandra. Susan è disperata e chiede aiuto al poliziotto che fa le indagini sulla morte di Alexandra, oltre a sua zia Nora che vive in America. Nora ha delle visioni inquietanti che riguardano la sparizione di Margot e cerca di interpretarle in modo da capire come possono aiutarla a salvare Margot, nonostante la distanza.
Da madre, ho provato ad immaginare la disperazione totale che si prova quando ti portano via tuo figlio, e il non sapere cosa gli sta succedendo. Poi ci aggiungi lo stress dell’essere ciechi e non riuscire a vedere il mondo che ti sta intorno, il non notare dettagli che sono evidenti per altri. Sentivo di voler aiutare Susan, dirle dove andare a cercare, cosa fare, perché sembrava così vulnerabile. Al contempo però lei è una eroina forte, determinata a ritrovare sua figlia a qualunque costo. È una storia stupenda, mi sono ritrovata spesso a leggere fino all’1:30 del mattino, ben oltre i famosi limiti della lettura notturna.

———————————————————————————————————-

Ho letto parecchi libri durante la mia vita e da qualche tempo a questa parte sto leggendo libri scritti da autori indie, scrittori che si auto-pubblicano. Questi scrittori sono spesso criticati per essere inferiori rispetto a quelli pubblicati tradizionalmente, ma finora non è stato il caso per me.

Mi sto divertendo a scroprire tutti questi nuovi autori che non hanno pubblicato con le case editrici, e trovo che le loro storie sono spesso molto originali e diverse da quelle dei classici libri che trovi nelle vetrine delle librerie.

E voi invece? Avete letto qualche libro di autori self-published? Come li avete trovati?



Leave a comment

How to get into trouble
Come mettersi nei guai

May 29th, 2013

How to get into trouble

How do you feel when you start a new job? Excited? Nervous? Scared? Happy?
I felt all those things when I was appointed junior the secretary in the maths department at one of the Colleges of London University. It was 1989, a long time ago, and I was only 21 years old. Many of my readers weren’t even born then :-)

My duties were fairly simple: distribute the post, greet students and provide information, answering the phone and typing letters. A piece of cake, really. That is, if English is your first language. When you have to perform all these tasks in a language that is not yours, and you feel insecure about, then even the simplest thing such as answering the phone can become a nightmare.

My probation period was three months, so in my head I kept saying: I must not screw up in these first months, and then I’ll be OK.
In my third week there, one of our top lecturers, Professor Taylor, asked Marianne, our departmental secretary, if she felt I was ready to type a mathematical paper. She said: “we could have a go.” Fateful words.

So, I was handed a dozen hand-written pages with normal English text interspersed with mathematical formulas, which I had to type into our computer. Now, it’s bad enough typing in a second language, it’s even more challenging when the hand writing is not clear, but if on top of that you also have illegible mathematical symbols, then guys, it’s not going to be an easy ride.

Still, I had a go, and typed the whole lot. When I handed it to Prof. Taylor my heart was racing. I felt this was an important test for me, on which my future as a secretary there depended.
He came back to me the next day, he was pleased on the whole with the result, but there were red crosses everywhere. Apparently I had mistaken the sigma symbol he had written by hand, for the delta symbol. And since the sigma appeared everywhere, he asked me to change all the deltas into sigmas.

No big deal, I thought. I will use the ‘search and replace’ command. In those days, computers weren’t as sophisticated as they are now. There was simply a black screen with white characters, no colours, no fancy folders, we must have had probably the very first version of Word that came about. There was no help-guide on the computer, you had to consult the paper manual. The problem was that when you tried to enter the characters on the ‘search’ prompt, you were only allowed normal characters, not mathematical symbols. So, I started trying all sort of combinations of alt+ctrl+shift keys to get those crazy deltas and sigmas to appear. Somehow, in the end, I managed it. I was able to enter the funny characters in the search and replace commands. But then the computer beeped and a red light flashed. I had never seen a red light before. The computer said something along the lines of: invalid/unrecognized command. Do you want to proceed?

I thought, let’s try it. And YES! It worked. It did substitute my first delta with a sigma. That was fantastic! So I did it again, and the computer beeped again and flashed red again. The words invalid/unrecognized command. Do you want to proceed? appeared more ominous this time, but I persisted. There was no command to replace all in one go, so I had to do them one at a time. After about a dozen changes, the computer crashed and I ended up with a black screen. The only sign of life came from the red light, which was flashing at the bottom right of the screen. It lasted for a few seconds and then it died.

image courtesy of fiverr.com

I turned around to look at Marianne, I just had this nasty feeling that something had gone wrong. And Marianne screamed. Her computer too had gone off. Oh well, I thought, it must be a black-out. But then the lights were still on in our office. “What happened?” she asked. I didn’t know. Somehow I felt guilty, but then I thought, OK, I may be responsible for my computer crashing, but not for hers. Little did I know… within minutes lecturers started rushing into our office to ask what was happening. Their computers had crashed and were not coming back on. Marianne called technical support, they came up to the department and tried to figure out why all computers were down. Then the top techie guy disappeared and later came back looking really stressed out. He said: “The mainframe is down. This has never happened before.” I didn’t even know what a mainframe was, but it sounded important. The head of department was in a panic, everyone was trying to do something to fix the problem and deep down I was wondering if I had contributed to this.

Well, an engineer was called from outside to come and fix the problem and after looking into it he said it was a serious fault. Then he explained to the head of department and senior lecturers, who were all gathered in our office, what he thought was wrong and how it would take 48 hours at least to solve the problem. I didn’t understand the technical jargon, but I raised my hand and confessed what I had done. I think the engineer felt really sorry for me and tried to say that these things happen, sometimes we didn’t know why mainframes crashed, and that what I had tried to do was an intelligent way to solve a problem, but it probably backfired.

I didn’t feel it had been an intelligent move. I was going to lose my job over this. Talk about paralyzing a whole department with over 40 lecturers because you crashed their computers. Marianne was shaking her head and looking at me. I felt so stupid and dejected.

But, I didn’t get the sack. I wasn’t even told off by anyone. People calmly took it in their stride. In our office, for 48 hours we simply did ordinary paperwork and used our typewriters instead. Many lecturers took the opportunity of staying at home for a couple of days, so all in all, it went quite well. I was so grateful and happy to have survived this incident, and lessons were learnt.

Have you ever made a big mistake at work? Have you got yourself into trouble? I’d like to hear your stories

Come mettersi nei guai

Come vi sentite quando iniziate un nuovo lavoro? Ansiosi? Eccitati? Contenti? Impauriti?
Io ho provato tutte queste sensazioni quando mi avevano offerto il lavoro di segretaria al dipartimento di matematica di uno dei college dell’Università di Londra.
Si parla dell’anno 1989, un sacco di tempo fa; avevo appena 21 anni. Molti dei miei lettori non erano ancora nati allora :-)

Le mie mansioni erano piuttosto semplici: distribuire la posta, dare le informazioni agli studenti, rispondere al telefono e scrivere le lettere. Facilissimo, se l’inglese è la tua lingua madre. Quando però devi occuparti di queste cose in una lingua che non è la tua, ti vengono certe insicurezze, e perfino le cose più banali come rispondere al telefono, possono diventare un incubo.

Il mio periodo di prova era di tre mesi, e dentro di me dicevo: devo cercare di non combinare guai in questi tre mesi, poi potrò star tranquilla.

Alla mia terza settimana nel dipartimento, uno dei nostri docenti più autorevoli, Professor Taylor, chiese a Marianne, la nostra capo ufficio, se pensava che io fossi in grado di batter al computer uno dei suoi articoli scientifici. Lei gli rispose: “possiamo provarci.” Parole fatidiche.

Così, Prof Taylor mi diede una dozzina di pagine che lui aveva scritto a mano, dove c’era del testo normale in inglese, mischiato a delle formule matematiche. Io lo dovevo trascrivere al computer. Ora, già di per sé non è facile trascrivere una lingua straniera, se poi la calligrafia non è molto chiara, la sfida si fa ancora più interessante, aggiungiamoci una serie di simboli matematici illeggibili, ecco, avete capito che non è più una passeggiata.

In tutti i casi ci provaii e riuscii a trascrivere il tutto. Quando lo consegnai al Prof. Taylor, il mio cuore batteva all’impazzata. Sentivo che questo era un test importante per me, e che il mio futuro di segretaria lì dentro dipendeva dal risultato di questa prova.

Prof. Taylor tornò nel nostro ufficio il giorno dopo, era abbastanza contento del risultato, però c’erano un sacco di crocette rosse dappertutto sui fogli stampati. Mi disse che io avevo confuso il simbolo sigma che lui aveva scritto a mano, col simbolo delta. E siccome la sigma appariva dappertutto, mi chiese di sostituire tutte le mie delta con delle sigma.

La cosa non mi spaventava. Avrei usato il comando “cerca e sostituisci”. In quei tempi però i computer non erano così sofisticati come adesso. Avevano uno schermo nero coi caratteri in bianco, nessun colore e nessuna cartella, penso che avessimo la primissima versione di Word che era uscita. Non c’era neanche il manuale all’interno del computer, dovevi per forza leggere il manuale stampato.

Il problema fu che quando provai a digitare i simboli dopo il comando ‘cerca’, il computer non ti permetteva di scrivere simboli matematici, ma solo lettere normali. Così provai un sacco di combinazioni tipo alt+ctrl+maisc per cercare di ottenere quelle strane delta e sigma. Alla fine ci riuscii. Ecco apparire i simboli matematici nei comandi ‘cerca’ e ‘sostituisci’. Quando però schiacciai il pulsante ‘invio’ il computer fece uno strano bip e una lucetta rossa lampeggiò. Non avevo mai visto nessuna lucetta rosssa prima. Il computer diceva qualcosa tipo: comando non valido/non riconosciuto. Vuoi continuare? Io dissi di sì. E funzionò. Finalmente la mia prima delta venne sostituita con una sigma.

Ma quella era solo la prima, ce n’erano parecchie da rimpiazzare, così ripresi con la stessa procedura. Il computer fece di nuovo bip, la lucetta rossa lampeggiò ancora. Le parole comando non valido/non riconosciuto mi sembrarono più inquietanti la seconda volta, però continuai. Purtroppo non c’era un comando unico per rimpiazzare tutte le delta, le dovevo sostituire una alla volta. Dopo una dozzina di sostituzioni, il computer si piantò e mi trovai di fronte uno schermo nero. L’unico segnale di vita veniva dalla lucetta rossa che lampeggiava, in basso a destra dello schermo. Durò per pochi secondi, poi morì anche lei.

image courtesy of fiverr.com

Mi voltai verso Marianne, avevo questa terribile sensazione che qualcosa fosse andato storto. Marianne lanciò un urlo. Il suo computer pure aveva fatto crash. Ah meno male, pensai, ci dev’essere un black-out. Però le luci in ufficio non si erano spente. “Che è successo?” chiese Marianne. Non ne avevo idea. In qualche modo mi sentivo in colpa, ma poi pensai: OK, posso essere responsabile del mio computer che si pianta, ma non del suo. Se solo avessi saputo… Entro pochi minuti alcuni docenti arrivarono nel nostro ufficio e chiedevano che cosa stesse succedendo. I loro computer erano tutti giù e non si riaccendevano. Marianne chiamò l’ufficio assistenza tecnica, e vennero subito. Il responsabile sparì in un altro ufficio e poi tornò con una faccia stravolta. Ci disse: “Il mainframe è giù. Non è mai successo prima.” Io non sapevo cosa fosse un mainframe, ma aveva l’aria di qualcosa di importante. Il capo dipartimento era in panico, tutti cercavano di fare qualcosa per risolvere il problema, e dentro di me mi chiedevo se io avessi in qualche modo contribuito a tutto questo.

Così venne chiamato in soccorso un ingegnere elettronico specialista di quei computer, e dopo che ci diede un’occhiata disse che c’era un guasto serio. Iniziò a spiegare al capo dipartimento e ai docenti senior, che erano tutti radunati nel nostro ufficio, quello che era successo, secondo lui, e come ci sarebbero volute almeno 48 ore per risolvere il problema. Io non capivo i termini tecnici, però alzai la mano e confessai quello che avevo combinato. Penso che l’ingegnere abbia provato compassione per me, in quanto cercò di dire che queste cose posson capitare, e che a volte non sapevamo perché i mainframe si guastassero, e che quello che avevo cercato di fare era una mossa intelligente per risolvere un problema, ma che purtroppo si era ritorta contro di noi.

Io non sentivo certamente di aver fatto una mossa intelligente, tutt’altro. Avrei perso il mio lavoro a causa di questo. Stavo paralizzando l’intero dipartimento di matematica con ben oltre 40 docenti, ero riuscita in qualche modo a far saltare i loro computer. Marianne mi guardava e scuoteva la testa. I miei giorni erano contati.

Per fortuna però, non mi licenziariono, nessuno mi rimproverò neanche. Tutti quanti la presero con filosofia. Nel nostro ufficio, nei giorni successivi ci impegnammo a fare dell’ordinaria amministrazione che non richiedeva l’uso dei computer, come archiviare pratiche, fotocopiare documenti, oppure battere le lettere a macchina. Parecchi docenti che non avevano lezioni, decisero di stare a casa per due giorni, quindi alla fine, andò tutto per il meglio. Che sollievo fu per me, l’aver sopravissuto a questo incidente di percorso . E imparai anche la lezione.

E voi, avete mai combinato dei grossi errori a lavoro? Vi siete messi nei guai? Mi piacerebbe sentire le vostre storie.



Leave a comment

Duties and delights
Doveri e piaceri

May 15th, 2013

Duties and delights

What do a romance novelist and a rock guitarist have in common? They share the same name: Martina. Yes, for those who don’t know, as well as writing, I’m passionate about playing the electric guitar.

Before I became a Mum I thought I had a busy life, but little did I know about being busy until a little version of me made her appearance. Then I really realized what the word ‘busy’ meant. And the word ‘tired’.

Something had to give. In fact, more than something. And when it came to choosing between my hobbies, after short listing the two most important ones, which one was it going to be? Music or writing? Difficult one. Normally when in doubt, I go for both – that is keeping both, not dropping both. But there was no way I could write and play the guitar in the non-existent spare time, so after careful evaluation, Fenderina got temporarily put away (Fenderina is my Fender Stratocaster). She’s been hiding inside hubby’s wardrobe, out of sight, because we don’t want to be tempted, do we?

My poor Fenderina

What are the factors that made me choose Writing over Playing the guitar? I had to carefully consider the pros and cons of each one, so I asked myself some questions. I’ve always been good at asking questions, my mum tells me.

First question was: which one do I enjoy more?
Answer: Hard to say, I love both of them.
So that wasn’t a very useful question.

First score: Guitar 0 – Writing 0

Then I asked myself: which one is more practical to keep as a hobby?
Electric guitar: lots of faffing around involved, with amplifiers, pedals, sound effects, spaghetti cables everywhere, and noise. Noise means not necessarily ear-friendly, especially for family and neighbours.
Writing: very easy, you just need a notepad and a pen, or a laptop. You don’t get on anyone’s nerves, and you can do it pretty much anywhere. The latter is not applicable to the electric guitar.

Second score: Guitar 0 – Writing 1

Then I also asked myself: which of these two hobbies are you better at?
The answer was easy. I’m not a great guitarist; I’m average, possibly a mediocre musician. I just like to make lots of noise, as long as it’s rhythmic and fun. Doesn’t go well with my migraines, but what can you do?
I think I’m better at writing, that doesn’t necessarily mean that I’m good at it, I’m simply comparing the two hobbies.

Third score: Guitar 0 – Writing 2

Last question: Social hobby versus solitary one.
When I played the guitar with my friends, in our rock band, we had loads of fun. We would meet regularly every Thursday after work (we all worked in the same place), get together on the basement under the stairs and have a blast. AC-DC, Deep Purple, Black Sabbath, Rainbow – just the sound of these band names makes want to get up and grab Fenderina. I must resist.

Fourth score: Guitar 1 – Writing 2

Writing is a solitary activity. Yes, you can do it in the company of other people, but I prefer to do it on my own, and I don’t like to be disturbed when I’m immersed in it.

Now, going back to the social or solitary activity: which one do I prefer? I love both: being in the company of other people as well as being in my own company. So, I’ve got to assign another point to Writing.
That was possibly another not-so-useful question, which brings us to the final score:

Fifth score: Guitar 1 – Writing 3

It’s clear that Writing had to win.

I do occasionally pick up Fenderina and have a little play; you wouldn’t want her to think she’s been completely abandoned. But she doesn’t get the same attention my writing gets. I hope she doesn’t develop an irrational jealousy at some point, which could sabotage my future as a rock star. (I need to have a back-up plan, if I don’t make as a best-selling novelist).

Have you ever had to give up any of your hobbies? What were the circumstances?

Doveri e piaceri

Che cos’hanno in comune una scrittrice di romanzi rosa e una chitarrista rock? Hanno lo stesso nome: Martina. Ebbene sì, per chi non lo sapesse, oltre allo scrivere, sono appassionata di musica, nello specifico suonare la chitarra elettrica.

Prima di diventare mamma credevo di essere molto impegnata, ma non conoscevo il vero significato della parola ‘impegnata’ finché una mini versione di me non è venuta al mondo. Allora sì che ho capito cosa volesse dire essere impegnata. E anche essere ‘stanca’.

Qualcosa doveva saltare. In effetti, più di qualcosa. E quando ho valutato i miei hobby, e ho ristretto la scelta ai due più importanti, quale dovevo mollare? La musica o lo scrivere? Molto difficile. Di solito se ho dei dubbi, vado per entrambi – cioè, tengo entrambi, non mollo entrambi. Ma non c’era modo che potessi scrivere e suonare la chitarra nel tempo libero che non esisteva. Quindi, dopo un’attenta valutazione, Fenderina è stata temporaneamente messa da parte (Fenderina è il nome che ho dato alla mia Fender Stratocaster). È ancora nascosta dentro l’armadio di mio marito, fuori da ogni sguardo curioso, perché mica possiamo farci tentare, vero?

My poor Fenderina

Quali sono stati i fattori che mi hanno fatto scegliere di scrivere, invece di suonare la chitarra? Ho valutato i pro e i contro di ciascuna opzione, mi sono posta parecchie domande. Sono sempre stata brava a far domande, mi dice la mamma.

Prima domanda: quale dei due hobby preferisco?
Risposta: difficile da dirsi, li amo entrambi.
Ecco, domanda non proprio utile.

Primo punteggio: chitarra 0 – scrivere 0

Poi mi sono chiesta: quale dei due hobby è più pratico tenere?
Chitarra elettrica: c’è parecchio da armeggiare tra amplificatori, effetti sonori, pedali, spaghetti di cavi sparsi qua e là, e tanto baccano. Il baccano non è necessariamente piacevole per l’orecchio, sopratutto quello dei familiari e vicini.

Scrivere: molto facile, ti serve solo un blocchetto e una penna, oppure un portatile. Non dai sui nervi a nessuno e lo puoi fare praticamente dappertutto. Ecco, quest’ultimo non vale per la chitarra elettrica.

Secondo punteggio: chitarra 0 – scrivere 1

Poi mi sono chiesta: in quali di questi due hobby me la cavo meglio?
La risposta era semplice. Non sono una gran chitarrista; sono nella media, possibilmente anche mediocre. Mi piace far casino, basta che sia ritmico e divertente. Non va molto bene con le mie emicranie, ma che ci posso fare?

Penso di cavarmela meglio nello scrivere. Ciò non significa necessariamente che sia una brava scrittrice, sto solo paragonando i due hobby.

Terzo punteggio: chitarra 0 – scrivere 2

Ultima domanda: hobby socievole o solitario?

Quando suonavo la chitarra coi miei amici, nel nostro gruppo rock, ci divertivamo un sacco. Ci incontravamo ogni giovedì sera dopo il lavoro (eravamo tutti colleghi), ci ritrovavamo nel seminterrato del centro, e non ci fermava nessuno, tra AC-DC, Deep Purple, Black Sabbath, Rainbow, insomma, solo il suono di questi nomi mi spinge ad alzarmi e andare a scovare Fenderina. Devo resistere.

Quarto punteggio: chitarra 1 – scrivere 2

Scrivere è un’attività solitaria. Si può fare anche in compagnia di altre persone, ma io preferisco farlo da sola, e mi piace starmene per conto mio quando sono completamente assorbita nella storia che devo raccontare.

Quindi tornando alla domanda sull’hobby socievole o solitario, quale preferisco? Adoro entrambi, sia essere in compagnia di altre persone, che in compagnia di me stessa. Questo significa che devo dare un altro punto allo scrivere.
Forse neanche questa era una domanda molto utile; il che ci porta al punteggio finale:

Quinto punteggio: chitarra 1 – scrivere 3

È chiaro che doveva vincere lo scrivere.

Ogni tanto però vado a scovare Fenderina e strimpello un po’; non vorrei che pensasse che l’ho completamente abbandonata. Eppure non riceve la stessa attenzione che dedico allo scrivere. Spero che non sviluppi una gelosia irrazionale prima o poi, cosa che potrebbe sabotare il mio futuro da rock star. (Devo per forza avere un back-up, nel caso non diventassi una scrittrice best-seller.)

Avete mai dovuto rinunciare a qualche hobby? In quali circostanze?



Leave a comment

Living abroad
Vivere all’estero

May 1st, 2013

Living Abroad

Going to live abroad is no mean feat. It’s bad enough if you move to a Country where they speak a different language, but even more so if they have different habits from the ones you’re used to.

I think that Great Britain is probably the most unusual Country in Europe, I love it because it is different and always surprising, somehow.

The first and biggest shock is the language. You think you know English, you’ve studied it for many years, you got good grades. Yet you come here and you listen to a conversation between the natives, and then you realize they’re talking something different. They’re probably using a local dialect. And they speak fast. And a little later you notice that everyone talks in a similar way, even BBC presenters, the bus driver, the employee at the post office. Then it hits you: you don’t speak English, really. You’ve now got to learn what you thought you knew already.

Once you get over the language barrier, there are the practical things: road sense for starters. Your life depends on it, so learn fast. They drive in the opposite side of the road in England. One thing you have to watch out: when you cross the road, look at both sides, because the car always comes from where you don’t expect it. When you wait at the bus stop, don’t assume that if you have to go down the hill to your right, you can catch the bus on that pavement, you have to cross to the opposite side. Otherwise, instead of arriving at Piccadilly Circus, you end up in Leytonstone.

When you do pluck up the courage to drive in the UK, there are other minor things you have to be aware of, as well as driving on the left side of the road, such as: drivers stop at red traffic lights, drivers stop when pedestrians cross the road, drivers stop at the Stop sign. Other minor thing, if a driver flashes the headlights, here it means you can go; in Italy it means the opposite: don’t even think about it. A small difference that makes a big difference.

Credits to ehow.com

Then, there’s the whole measurements thing. They’ve been talking about moving from imperial to metric measurements here for twenty years, but people still use the old fashioned system. When I was buying a car the first time and I went to the dealer, I was concerned about fuel consumption, so I asked a simple question: how many km per litre? They guy looked at me as if I had asked something in other language, then he asked me: do you mean, how many miles per gallon? Well, try and figure out the answer, considering that gallons and miles are not even decimal.

But measurements don’t stop at distance. It’s particularly disastrous when you want to try a new recipe and the cookery book talks about ounces, pounds, but in your head you’re thinking of grams and kilos. Not to mention some books that talk about ‘cups’ for measurements. One cup of sugar, two cups of flour. Cup? How big is this cup? Are we talking a fine bone china tea cup, an espresso cup or a mug? What is the reference point here? You try and cook with this measurements and see what results you get. Don’t even try going on a diet, because then you really get lost when they mention losing pounds and stones, and you’re stuck in the kilos mindset.

The quirkiness doesn’t stop here, even playing music is different. I learnt to play the guitar in Italy and when I came here I decided to freshen up, since I was the rhythm guitarist in a rock band we formed. I thought that notes and chords would be called the same, in every language: Do, Re, Mi, Fa, Sol, La, Si, Do. Well, they’re not. Here they’re C, D, E, F, G, A, B, so Do equals C, Re equals D, and so on. You would think, that if they wanted to use the letters of the alphabet, they would start with A first, but no. Why make it easy? Now try to play TNT from AC-DC for instance, while your teacher is telling you to play E, then G, then A and in your head you’re translating what that chord is in your mother tongue music. By they time you’ve figured it out, the song has moved on and you missed the intro. Just great.

So guys, if you’re thinking of going to live abroad, the challenge doesn’t stop at the first hurdle of learning a foreign language, there’s more to come. And it never stops, the learning is continuous, but fun too.

Have you ever been abroad and experienced different things from your home Country? Would you like to share them?

Vivere all’estero

Andare a vivere all’estero non è roba da poco. Già è dura se ti trasferisci in un Paese dove parlano una lingua diversa, ma lo è ancora di più se hanno usi e costumi differenti dai tuoi.

Credo che la Gran Bretagna sia il Paese più bizzarro in Europa, la adoro proprio perché è così diversa e non finisce mai di sorprendermi.

Il primo e maggior shock è la lingua. Pensi di conoscere l’inglese, lo hai studiato per tanti anni, avevi anche buoni voti. Poi arrivi qua e ascolti una conversazione fra indigeni; dopo un po’ ti rendi conto che parlano qualcosa di diverso. Forse stanno usando un dialetto locale, e chiaccherano pure in fretta. Poi noti che tutti quanti hanno la stessa parlantina, perfino i presentatori della BBC, l’autista del bus, l’impiegato delle poste. Ed ecco il fulmine: tu non parli l’inglese. Devi imparare quello che credevi di saper già.

Una volta superato l’ostacolo della lingua, ci sono altre cose pratiche: come muoversi per strada, per esempio. La tua vita dipende da questo, quindi impara in fretta. In Inghilterra guidano dal lato opposto, quindi quando attraversi la strada, guarda entrambi i lati, perché quella macchina arriva sempre da dove non ti aspetti.
Se devi prendere l’autobus, non dare per scontato che se devi andare verso giù a destra, tu possa prendere il bus su questo marciapiede, tutt’altro, devi prenderlo dal lato opposto. Altrimenti, anziché arrivare a Piccadilly Circus ti ritrovi a Leytonstone.

Quando poi ti viene il coraggio di guidare in Inghilterra, ci sono altri piccoli dettagli ai quali devi prestare attenzione, oltre al fatto che devi guidare a sinistra: gli automobilisti qua si fermano al semaforo rosso, si fermano quando i passanti attraversano la strada, si fermano allo Stop. Un altro dettaglio non meno importante, se un altro conducente ti lampeggia coi fari, qui significa che ti lascia passare, in Italia esattamente il contrario: non ci pensare nemmeno. Una piccola differenza che fa una grande differenza.

Credits to ehow.com

E poi c’è tutta la questione delle misure. Si parla di passare dal sistema imperiale a quello metrico da almeno vent’anni, però la gente qua usa sempre il metodo tradizionale. Quando ho comprato la mia prima macchina e sono andata dal concessionario dell’usato, una cosa per me importante era capire i consumi della benzina, quindi ho posto una semplice domanda: quanti km a litro? Il tipo mi ha guardato come se avessi fatto una domanda in lingua straniera e poi mi ha chiesto: vuoi dire, quante miglia a gallone? Provate a decifrare la risposta, considerando tra l’altro che miglia e galloni non sono neanche misure decimali.

Ma quando si parla di misure non ci fermiamo solo a quelle della distanza. È particolarmente disastroso quando vuoi provare una nuova ricetta e il libro di cucina parla di once e libbre mentre tu nella tua testa hai solo grammi e chili. Non dimentichiamoci poi dei libri che parlano di ‘tazze’ quando si misura. Una tazza di zucchero, due tazze di farina. Tazza? Ma quanto è grande ’sta tazza? Parliamo di una tazzina da tè in porcellana, o una tazzina di caffè espresso oppure una tazzona grande? Qual’è qui il punto di riferimento? Provate a cucinare voi con queste misure e vedete che risultati ottenete. Non vi venga in mente poi di fare le diete, perché allora sì che vi sentiti smarriti quando parlano di perdere libbre e altre strane misure, quando la vostra mente ragiona in chili.

Le stranezze mica finiscono qui, perfino fare musica è diverso. Ho imparato a suonare la chitarra in Italia e quando sono venuta qua dopo un po’ ho deciso di fare qualche lezione privata, visto che suonavo in una band e avevo bisogno di un ripasso. Ebbene, ho dato per scontato che le note e gli accordi si chiamassero allo stesso modo in tutte le lingue: Do, Re, Mi, Fa, Sol, La, Si, Do. A quanto pare, no. Qui si chiamano C, D, E, F, G, A, B, dove C è uguale a Do, D è uguale a Re, ecc. Ma dico, se volevi usare le lettere dell’alfabeto, perché non hai almeno cominciato dalla A? No, niente di tutto questo. Perché rendere le cose facili? Ora provate a suonare TNT degli AC-DC, per esempio, mentre il vostro insegnante vi dice di suonare E, poi G, poi A, e nella vostra testa state traducendo quell’accordo nella vostra madrelingua musicale. Da qui che ci siete arrivati, avete già perso il primo minuto della canzone. Bella figura.

Quindi ragazzi, se pensate di andare a vivere all’estero, le sfide non si fermano al primo ostacolo che è la lingua straniera, c’è ben altro. Non si smette mai di imparare, ma diciamo che ci si diverte anche nel frattempo.

Qualcuno di voi è stato all’estero e ha avuto esperienze diverse da quelle del proprio Paese? Volete condidiverle con noi?



Leave a comment

What is a broken heart?
Cosa è un cuore spezzato?

April 17th, 2013

What is a broken heart?

I’ve started writing a series of books. The series is called “The Broken Heart Refuge”. I’ve recently finished Book one in English; and while this is getting translated into Italian, I intend to start Book two. I’m hoping to launch the series with the first three books in the Autumn – and I mean the Autumn of 2013 :-) .

The series is centred on the house of Nonna Pina, an Italian Grandma who lives in London. She welcomes into her home anyone who is in pain because of love. Here is the mission statement of her Centre: At The Broken Heart Refuge we provide a safe, friendly, warm place for anyone who is suffering for love. We cannot promise to mend your broken heart, but we can promise that here you will find new friends who will listen to you, and support you at a difficult time. A cup of tea and a few kind words can work miracles.

In the first Book, Nonna Pina and her volunteers come across two characters, named Lisa and Mary. Lisa’s problem is that she’s in love with her best friend’s boyfriend; Mary’s source of pain comes from the fact that she’s recently become a widow, and on top of her grief, she starts to suspect that her husband was having an affair prior to his death.

courtesy of http://www.lifebridgeblogs.org/wp-content/uploads/2012/07/broken-heart.jpg

I will not say anymore at this stage, and while I’m thinking about the new people that will come to The Broken Heart Refuge for help, I was wondering: what constitutes a broken heart? I’ve searched for the definition on Wikipedia where it states that: A broken heart (or heartbreak) is a common metaphor used to describe the intense emotional pain or suffering one feels after losing a loved one, whether through death, divorce, breakup, physical separation, betrayal, or romantic rejection.

I think that generally we tend to associate a broken heart to suffering for love, and in this context we usually mean ‘romantic’ love.

But is this really the case? I’m thinking that the definition of ‘loved one’ in Wikipedia can be extended to a brother, a parent, a child, a friend, even a pet. Imagine a dear friend who betrays you. What if you suddenly lose a child through accident? What if your pet gets stolen? These examples could certainly lead to intense emotional pain, simply because there is love involved.

Do you have any examples of a broken heart that don’t follow the conventional rules? Do you think that the Broken Heart Refuge should only welcome people who suffer for ‘romantic’ love?

Cosa è un cuore spezzato?

Ho iniziato a scrivere una collana di libri. La collana si intitola “The Broken Heart Refuge – Il Rifugio dei Cuori Infranti”. Ho appena terminato il primo libro in inglese, e mentre viene tradotto in italiano, conto di iniziare a scrivere il secondo. Mi piacerebbe lanciare la collana coi primi tre libri in autunno – e intendo l’autunno del 2013 :-) .

Il punto focale di questa collana è la casa di Nonna Pina, una nonna italiana che vive a Londra. Lei accoglie nella sua casa chiunque abbia un cuore spezzato. La missione del suo Centro è la seguente: Il Rifugio dei Cuori Infranti è un luogo caldo, amichevole e confortevole dedicato a chi soffre per amore. Non possiamo promettere di ‘aggiustare’ il tuo cuore spezzato, ma possiamo promettere che qui troverai nuovi amici che saranno disposti ad ascoltarti e a sostenerti in un momento difficile. Una tazza di tè e alcune parole di conforto possono fare miracoli.

Nel primo libro, Nonna Pina e le sue volontarie fanno la conoscenza di due personaggi che si chiamano Lisa e Mary. Il problema di Lisa è che è innamorata del ragazzo della sua migliore amica; la sofferenza di Mary, invece, viene dal fatto che da poco ha perso il marito, e oltre al dolore per questo lutto, inizia a dubitare che lui avesse un’amante prima che morisse.

courtesy of http://www.lifebridgeblogs.org/wp-content/uploads/2012/07/broken-heart.jpg

Non voglio rivelare troppo per ora, e mentre penso ai futuri personaggi che arriveranno al Rifugio dei Cuori Infranti, mi chiedevo: che cosa è in realtà un cuore spezzato? Ho cercato la definizione su Wikipedia in italiano, e non l’ho trovata. Per cui mi sono rifatta alla definizione che appare su Wikipedia in inglese, dove dice (tradotto): Un cuore infranto (o cuore spezzato) è una metafora comune usata per descrivere il dolore emotivo intenso o la sofferenza che si prova dopo la perdita di una persona amata, causato da morte, divorzio, separazione, lontananza fisica, tradimento o amore non corrisposto.

Credo che in genere abbiamo la tendenza ad associare un cuore spezzato alla sofferenza per amore, e qui di solito intendiamo l’amore di tipo romantico.

Ma è proprio così? Mi viene da pensare che la definizione di ‘persona amata’ in Wikipedia possa essere estesa anche ad un fratello, un genitore, un figlio, un amico e perfino un animale domestico. Immaginate un carissimo amico che vi tradisce. Oppure, se perdete un figlio in un incidente. E se vi rubassero il vostro cane? Questi esempi possono senz’altro causare dolore emotivo intenso, semplicemente perché c’è l’amore di mezzo.

Avete qualche esempio di cuore infranto che non segue le regole convenzionali? Secondo voi, al Rifugio dei Cuori Infranti dovrebbero recarsi solo le persone che soffrono per amore, inteso come amore romantico?



Leave a comment

10 Insecurities for writers
10 Insicurezze degli scrittori

April 3rd, 2013

10 Insecurities for writers

Writers are not necessarily confident people. They don’t wake up every morning, feeling they have the answer to everything. In fact, quite the opposite. They have doubts, fears, and loads of uncertainties. Maybe I shouldn’t generalize, but if you’re anything like me, when you write a fiction book, you may experience the following insecurities.

1) your story isn’t good enough
You think you came up with an amazing story. You worked hard at it and it’s just wonderful.
Then the doubt slowly sneaks in, merciless. It’s so sly, you don’t even realize.
Suddenly your story isn’t that great after all. It’s not gripping, it’s not cool, it’s banal. Why did you bother in the first place?

2) your readers won’t get the story
Your book about werewolves and vampires is really about the constant struggle between good and evil.
But your readers think it’s about werewolves and vampires. Is it your fault? or their fault?

3) someone else has written the same story
You came up with this story. You haven’t heard it before, it’s fruit of your own imagination.
But what if someone, somewhere, had already written the same story? And possibly told it better?

4) your book won’t sell
You spent months, years, writing that book. It’s taken a lot of effort, time and even money.
But you’ve only sold one copy in the last year. That was probably the one that auntie Carmela bought out of pity.

5) readers won’t like the story
It’s a fantastic book, your editor liked it, your friends loved it, your family is proud of you.
But those readers are hard to please, they keep finding faults, they only give you one-star reviews, what’s wrong with them?

6) typos and errors
You’ve read the book a dozen times. You’ve corrected it, spell-checked it, x-rayed it. Your editor and proof-reader have examined it.
And yet, deep down you know that there are still a few typos hidden, tiny little errors, that only the final reader will notice.

7) readers won’t know your book exists
Your book is there, on amazon, smashwords, every online retailer, even the occasional bookshop.
But it’s hidden below a tons of other books, it’s like the famous needle in a haystack. There’s no way it’s going to get noticed.

8) bad research
Your story takes place during the French Revolution. The crowds are approaching Napoleon’s palace.
He gets fed up with those noisy people and orders a couple of Spitfires to drop a few bombs on them.
Mmmhhh… it doesn’t sound quite right. Should you check your history books again?

9) your book is boring
You can cope with any criticism. Your plot may not be well structured. Your main character is unpleasant. You use too many adverbs.
But can there be anything more soul destroying than being told that your novel is boring?

10) your imagination dries up
Up to now you’ve had more stories in your head than you can tell. You could’ve written 185 books, if only you’d had the time.
But what if one morning you wake up and all your imagination is gone? You can’t even decide what to have for breakfast?

Do you ever feel insecure about anything? If you’re a writer, do any of the above apply to you? Or do you have some new ones?

10 Insicurezze degli scrittori

Gli scrittori non sono necessariamente persone che hanno un grande senso di sicurezza. Non si svegliano al mattino con la certezza di avere le risposte a tutto. In effetti è proprio il contrario. Hanno dubbi, paure, e un sacco di incertezze. Forse non dovrei generalizzare, ma se in qualche modo sei simile a me, quando scrivi un libro di narrativa, potresti avere le seguenti insicurezze:

1) la tua storia non è abbastanza buona
Pensi di aver scritto una storia incredibile. Ci hai lavorato duramente ed è semplicemente meravigliosa.
Poi il dubbio si insinua lentamente, spietato. È così subdolo che neanche te ne accorgi. All’improvviso la tua storia non vale più un granché. Non è accattivante, non è intrigante, è banale. Ma chi te l’ha fatto fare?

2) i tuoi lettori non capiranno la storia
Il tuo libro di vampiri e licantropi in realtà è un libro sulla lotta costante tra il bene e il male.
Ma i tuoi lettori credono che sia un libro di vampiri e licantropi. È colpa tua? O colpa loro?

3) qualcun’altro ha scritto la stessa storia
Tu hai inventato questa storia. Non l’hai mai sentita prima, è frutto della tua immaginazione.
Ma, e se per caso qualcuno, da qualche parte, avesse scritto la stessa storia? E l’avesse pure raccontata meglio?

4) il tuo libro non venderà
Ci hai passato dei mesi, anni, a scrivere quel libro. C’ è voluto tempo, fatica e perfino denaro.
Eppure nell’ultimo anno ne hai venduto solo una copia. E probabilmente era quella che zia Carmela ha comprato perché le facevi tenerezza.

5) ai lettori non piacerà la tua storia
È un libro fantastico, piace al tuo editore, i tuoi amici l’adorano, i tuoi parenti sono fieri di te.
Ma quei lettori sono difficili da accontentare, non fanno altro che trovare difetti, ti lasciano recensioni ad una stella. Ma cos’hanno che non va?

6) refusi ed errori
Hai letto il tuo libro una dozzina di volta. L’hai corretto, hai fatto il controllo dell’ortografia, gli hai fatto una radiografia. Il tuo editor e correttore di bozze l’hanno controllato.
Eppure, sotto sotto, lo sai che c’ è ancora qualche refuso, qualche piccolo errore, che solo il lettore finale noterà.

7) i lettori non sapranno che il tuo libro esiste
Il tuo libro è lì, su amazon, smashwords, su ogni rivenditore online e perfino in qualche libreria.
Ma è nascosto sotto una tonnellata di altri libri, un po’ come il famoso ago nel pagliaio. Non c’è modo che possa essere mai notato.

8) ricerca inaccurata
La tua storia ha luogo durante la rivoluzione francese. Le folle si ammassano intorno al Palazzo di Napoleone. Lui si scoccia per tutta quella gente che fa casino e ordina ad un paio di Spitfire di lanciare alcune bombe su di loro.
Mmmhhh… qualcosa non ti torna. Non sarà il caso di ricontrollare il libro di storia?

9) il tuo libro è noioso
Riesci ad affrontare qualsiasi critica. La tua trama potrebbe non esser ben strutturata. Il tuo protagonista è antipatico. Usi troppi avverbi.
Ma può esserci qualcosa di più avvilente del sentirsi dire che il tuo libro è noioso?

10) la tua fantasia si esaurisce
Finora nella tua testa c’erano più storie di quante ne potessi raccontare. Se avessi avuto il tempo, avresti potuto scrivere 185 libri.
Ma cosa succede se un mattino ti svegli e la tua fantasia non c’ è più? E magari non riesci neanche a decidere cosa mangiare per colazione?

Ti senti mai insicuro di qualcosa? Se sei uno scrittore, ti ritrovi in qualcuna delle insicurezze citate? Oppure ne hai delle nuove?



Leave a comment

ABNA 2013 – Quarter finals
ABNA 2013 – Quarti di finale

March 20th, 2013

ABNA 2013 – Quarter finals

I never win anything. When I was a child, you could buy single chocolate bonbons from the newsagents. You opened the wrapper and, as well as the bonbon, you would also find a small piece of paper with a message:
it was either “you’re lucky, you won another bonbon” or “you’ve been unlucky this time, try again”.

I always got the second one: “you’ve been unlucky this time, try again”.
I used to spend a good portion of my pocket money buying chocolate bonbons, so I probably got at least one hundred over several months.
The average win was 50%, but I never, ever, won a single bonbon. I seem to have defied all probabilities. My younger sister used to win a bonbon two times out of three.
Sometimes I asked her to pick a bonbon for me, and in those cases, she would not win. Can someone explain that?

I do believe in luck. But I’m not sure luck believes in me. I play the lottery, I buy scratch cards occasionally, or raffle tickets, I will try various things, but so far, it’s got me nowhere. Should I give up? I’ve often wondered.

Last January, when it came to participating to ABNA – Amazon Breakthrough Novel Award 2013, I almost didn’t try. For those of you who don’t know, Amazon has a contest every year for emerging authors worldwide. This is what it says on their website: The Amazon Breakthrough Novel Award contest is an opportunity to win a publishing contract with Amazon Publishing. One Grand Prize winner will receive a publishing contract with an advance of $50,000, and four First Prize winners will each receive a publishing contract with an advance of $15,000.

For the year 2013, Amazon accepted 10,000 entries.
The first round in the selection process was based on the pitch. Basically this is the book blurb which appears on the back of your book cover. But it had to be more captivating. They encouraged participants to re-write the blurb as if it were a pitch. When I read that, I almost gave up. I don’t like the word ‘pitch’ as it makes me think of a sales pitch, and that is exactly what it is. I didn’t want to devote a couple of hours of my precious time to re-write my book blurb. But I’m glad that I did, because I passed the first round, where the top 2,000 entries were selected. So, that was cool.

At the next stage of the selection process Amazon Editors and Reviewers were going to read the first 5,000 words of each entry, in order to narrow the field to 500 quarter-finalists. These were announced last week, on the 12th March and I was amazed to see that I got through this round. I still can’t believe it and I pinch myself. I never thought the beginning chapters of my book were particularly gripping, so I truly had no expectations to get through to this stage.

Now the competition will become extremely tough, because the 500 will be narrowed down to 25, and later to five finalists, until they have one Winner of the Grand Prize.
I’ve already said how I feel about winning; it’s not going to happen. I won’t get through to the semi-finals, let alone the finals.

But because fundamentally I’m a positive person, I wanted to focus on what I’ve achieved so far:
I have actually got through to the quarter finals of this contest
. I’ve deliberately emphasized that, so I don’t miss it. This means that, apart from a bit of luck, someone, somewhere, liked what they read, even if it was only the first 5,000 words. I am very happy to have got this far, after all I came among the first 5%. I thought it would be nice to share this mini-success with you all.

What about you? Have you taken part in any competitions or contests in your life? What was the outcome?

ABNA 2013 – Quarti di finale

Io non vinco mai niente. Quando ero bambina, si potevano comprare dal tabaccaio dei cioccolatini, mi pare si chiamassero Boero. Quando li scartavi, oltre al cioccolato, c’era dentro un piccolo messaggio che diceva “sei fortunato, hai vinto un altro cioccolato” oppure “ritenta, sarai più fortunato.”

Io beccavo sempre il secondo messaggio: “ritenta, sarai più fortunato.”
Spendevo una buona parte dei miei soldini a comprare questi cioccolati, sono sicura che nell’arco di alcuni mesi ne ho acquistati almeno un centinaio.
La media delle vincite era il 50%, ma io non ho mai, dico mai, vinto un altro cioccolatino. Ero una vera sfida a tutte le probabilità. Mia sorellina vinceva due volte su tre. È capitato che chiedessi a lei di scegliere per me, ma in questi casi non vinceva. Qualcuno me lo sa spiegare?

Credo nella fortuna. Ma non sono sicura che la fortuna creda in me. Compro i biglietti della lotteria, qualche volta i gratta e vinci, oppure provo anche altre cose, ma finora non ho ottenuto niente. Dovrei rinunciarci? Chissà.

Lo scorso gennaio, quando mi chiedevo se partecipare all’ABNA – Amazon Breakthrough Novel Award 2013, ero proprio tentata dal non farlo. Per chi non lo sapesse, ogni anno Amazon fa un concorso per gli autori emergenti di tutto il mondo. Questo è ciò che c’è scritto nel loro sito web: il concorso di Amazon Breakthrough Novel Award è un’opportunità di vincere un contratto con Amazon Publishing. Al Vincitore del Grand Prize sarà offerto un contratto con un anticipo di $50,000, e i quattro vincitori del First Prize avranno un contratto con un anticipo di $15,000.

Per l’anno 2013, Amazon ha accettato l’iscrizione di 10,000 partecipanti.

La prima selezione era basata sul ‘pitch’. Praticamente si tratta del testo che appare sul retro della copertina. Doveva però essere più accattivante. I partecipanti venivano incoraggiati a riscrivere il testo come se fosse una specie di spot pubblicitario. Solo l’idea di buttar via due ore del mio tempo a rielaborarlo mi scoraggiava, e stavo per rinunciare. Sono contenta però di averlo fatto, perché sono passata alla prima selezione, quella dei 2.000. Non male.

Nella seconda fase della selezione, gli editori e recensori di Amazon dovevano leggere le prime 5.000 parole di ciascuna opera, in modo da scegliere i primi 500 autori che sarebbero arrivati ai quarti di finale. Questi sono stati resi noti la scorsa settimana, il 12 marzo. Sono rimasta sconcertata quando ho letto il mio nome. Ancora non ci credo e mi devo dare un pizzicotto per rendermi conto che non sto sognando. Non ho mai pensato che i primi capitoli del mio libro fossero particolarmente avvincenti, quindi non avevo proprio nessuna aspettativa di arrivare a questo punto.

Ora la competizione diventa veramente dura, dai 500 dei quarti di finale verranno selezionati 25 scrittori, e dopo soli cinque finalisti, fino ad arrivare ad un Vincitore del Grand Prize.
Ho già detto cosa ne penso del vincere; non accadrà mai. Non arriverò neanche alle semifinali, figuriamoci le finali.

Però, considerando che sono una persona positiva, volevo concentrarmi su quello che ho raggiunto finora: sono arrivata ai quarti di finale di questo concorso. L’ho evidenziato apposta, così non mi sfugge. Ciò significa che, a parte un pizzico di fortuna, che ci voleva, qualcuno, da qualche parte ha apprezzato quello che ha letto di mio, anche se erano solo 5.000 parole. Sono molto contenta di aver raggiunto questo risultato, dopotutto sono rientrata fra i primi 5%. Ecco, così ho voluto condividere questo mini-successo con tutti voi.

E voi? Avete mai partecipato a qualche concorso o gara? Come è andata a finire?



Leave a comment

10 Ways to use a book
10 Modi di usare un libro

March 6th, 2013

10 Ways to use a book

Books are meant for reading. At least, this is the general consensus.
But, in my experience, they can have other uses as well.
I’ve come up with my own list of 10 ways to use a book:

1) Read it
You thought I wasn’t going to mention this, but it’s worth it. You may learn something.

2) Teach a lesson
When I was in elementary school, a boy tried to lift my skirt to see the colour of my knickers. I bashed his head with my school book. He never approached me again.

3) Give yourself nightmares
Read Dante’s Inferno when you’re very young. Your night sleep will never be the same again.

4) As a stepping stool
If you’re a child, place a dozen books on top of each other on the floor. Possibly when your Mum isn’t looking. Climb on top of the pile, reach your hand out for that very fragile ornament placed on a high shelf. You already know what happens next.

5) As spare wheel
When I was at college, a bunch of students decided to steal one wheel of the car of an unpopular teacher. They left a bunch of books instead, to give the car some balance. The only problem: they were rectangular in shape.

6) As a chopping board
This is quite common, especially among skint students. It works best with a hardback title. The paperbacks can get messy when chopping tomatoes. Avoid using your kindle, if you can.

7) Light a fire
This is quite satisfying: you can tear off the pages, light them with a match and throw them in the fireplace, below the chopped wood. Particularly recommended for crappy books.

8) Make money
Sell it second hand. Ideally with no pages missing.

9) Generate emotion
Write one. I mean, write a book. A best-selling novel. Sell at least 50 million copies. Sit down and watch the turmoil around you, ranging from joy, praise, fame, to envy, hate, murderous intents. Enjoy.

10) Chat the girl up
She’s always on the 08:54 train. She’s cute. She’s reading 50 shades. You need an opening line. Could it be about the book? Make sure you get it right.

Now, I’m sure that you’ve occasionally seen books used in unorthodox ways, would you like to tell us about it?

10 Modi di usare un libro

I libri sono fatti per essere letti. Perlomeno, questa è l’opinione generale.
Nella mia vita, tuttavia, ho notato che i libri possono anche avere altri usi.
Qui sotto faccio un elenco di 10 modi in cui usare un libro:

1) Leggilo
Pensavate che questo non l’avrei menzionato, però ne vale la pena. Potreste anche imparare qualcosa.

2) Dai una lezione
Quando ero alle elementari, un compagnetto di scuola ha provato ad alzarmi la gonna per vedere il colore delle mie mutande. Gli ho sfasciato il libro di scuola in testa. Non si è mai più avvicinato a me.

3) Fatti venire gli incubi
Leggi l’Inferno di Dante quando sei molto giovane. Il tuo sonno notturno non sarà più come quello di prima.

4) Come sgabello
Se sei un bambino, prepara una pila di circa 12 libri sul pavimento. Possibilmente quando la mamma non sta guardando. Salici sopra, allunga la mano per raggiungere quell’oggetto molto fragile collocato sulla mensola. Sai già cosa succede dopo.

5) Come ruota di scorta
Quando ero alle superiori, un gruppo di studenti ha smontato la ruota dalla macchina di un insegnante antipatico. Al suo posto ci hanno lasciato un mazzo di libri, giusto per tenere l’auto in equilibro.
L’unico problema: avevano la forma rettangolare.

6) Come tagliere
Abbastanza comune tra gli studenti squattrinati. Funziona meglio coi libri a copertina rigida. Quelli a brossura si impiastricciano molto quando affetti i pomodori. Evita di usare il Kinde, se puoi.

7) Accendi il fuoco
Dà un gran senso di soddisfazione: puoi strapparne le pagine, accenderle con un fiammifero e buttarle dentro il caminetto, sotto i tronchi di legna. Particolarmente raccomandato per i libri spazzatura.

8) Guadagna qualcosa
Vendilo come libro di seconda mano. Possibilmente, fai in modo che non manchino pagine.

9) Genera emozioni
Scrivilo. Intendo, scrivi un libro. Un romanzo bestseller. Vendine almeno 50 milioni di copie. Siediti e osserva il clamore intorno a te, partendo dalla gioia, lode, fama, fino all’invidia, odio e intenti
omicidi. Goditi il tutto.

10) Aggancia la ragazza
Lei è sempre sul treno dell 08:54. È carina. Legge 50 Sfumature. Devi trovare la frase adatta per attrarre la sua attenzione. Potrebbe riguardare il libro? Assicurati di sceglierla giusta.

Ora, sono sicura che anche a voi è capitato di vedere i libri usati in maniera non proprio ortodossa.
Volete raccontarcelo?



Leave a comment

Ouch! That hurt.
Ahia! Mi ha fatto male.

February 20th, 2013

Ouch! That hurt.

No-one likes to be criticized, let’s face it. It’s not pleasant when people say bad things about us, or about what we do. Of course, there are ways and ways to be critical. Sometimes you can offer constructive criticism, you can point out a flaw, or an aspect that can be improved and maybe even suggest how it can be made better. I welcome this type of feedback. But there are people who simply like to give you a good old bashing, just for the sake of it.

Book reviews are very important for authors, especially indie authors like me. They are a way to receive feedback from our readers and find out what they liked (or didn’t like) about our book. They are also helpful for potential new readers, who may decide to buy a book on the basis of the previous reviews.

My book, both in Italian and English, has received several reviews. Most of them are positive, but there are a few negative ones.

I cannot deny that when I read a negative review I get upset. After all, my book is my baby, I’m very attached to my creature. Those of you who have children will understand how, as parents, we may be critical of our own kids at times, but we don’t like other people to criticize them. I guess it’s natural.

I read somewhere that we tend to remember a criticism we receive, far longer than we remember a compliment. I think that this is true. But I wonder, why do we do this? There is no advantage in holding on to something negative, while it’s much more beneficial hanging on to the positive things in life.

So, let’s play with this a little. Let’s imagine what happens when someone says nasty things about my book. And here I’m focusing on those reviews that bring nothing constructive to the table, but only aim to give it a beating.

Depending on my mood at the time, my thoughts about the reviewer could be: You’re a bitch. You haven’t got a clue. You’ve clearly read someone else’s book. You’re jealous. You can’t even spell, but you dare judge someone else’s writing.

And now, let’s play with the other side. What happens when I read nice things about my book. No matter what my mood is at the time, my thoughts are likely be: You really got it. That sounds great. I’ve got to do more of this. This is so much fun.

Just by re-reading these last paragraphs, my flow of energy changed incredibly. It went from a negative, unpleasant, dark place, to a cheerful, bright and creative one. I like the second one better, after all, it’s definitely more pleasurable and conducive to writing more.

But I am curious. How do you react when others criticize you, or what you do? What effects have compliments on you?

Ahia! Mi ha fatto male.

Non piace a nessuno essere criticato, diciamocelo. Non è carino quando le persone dicono cose cattive su di te, o su quello che fai. Ci sono modi e modi di criticare, naturalmente. A volte puoi offrire una critica costruttiva, puoi far notare un difetto, o un aspetto che può esser migliorato, e perfino proporre come si può perfezionare. Questo tipo di feedback lo trovo molto utile. Ci sono persone però, che amano farti a pezzi, solo per il gusto di farlo.

Le recensioni dei libri sono molto importanti per gli autori, sopratutto quelli indie come me. È un modo per noi di conoscere le reazioni dei nostri lettori e scoprire che cosa è piaciuto (o non è piaciuto) del nostro libro. Le recensioni sono utili anche per potenziali nuovi lettori, i quali possono decidere se comprare o meno un libro sulla base dei commenti lasciati da altri.

Il mio libro, sia quello in italiano che quello in inglese, ha avuto parecchie recensioni. La maggior parte sono positive, ma ce ne sono alcune negative.

Devo ammettere che quando leggo una recensione negativa ci rimango male. Dopotutto, il mio libro è il mio bebé, e io sono molto affezionata alla mia creatura. Chi di voi ha figli capirà come, da genitori, possiamo criticare i nostri figli ogni tanto, ma non ci piace quando lo fanno gli altri. Credo sia naturale.

Ho letto da qualche parte che tendiamo a ricordare le critiche che riceviamo, molto più a lungo di quanto ricordiamo un complimento. Credo sia vero. Ma mi chiedo, perché lo facciamo? Non c’è nessun vantaggio nel restare attaccati a qualcosa di negativo, mentre aggrapparsi alle cose positive della vita offre molti più benefici.

Proviamo a giocarci un po’. Immaginiamo cosa succede quando qualcuno dice cose brutte sul mio libro. E con questo intendo quelle recensioni che non portano niente di costruttivo al tavolo, ma vogliono solo farlo a pezzi.

A seconda del mio umore al momento, i miei pensieri su quella persona potrebbero essere: Sei una stronza. Non hai la più pallida idea. Chiaramente hai letto il libro di qualcun altro. Sei geloso. Fai degli errori d’ortografia e ti permetti di criticare come scrive un’altra persona.

E ora giochiamo dall’altro lato. Cosa succede quando leggo cose carine sul mio libro. Qualsiasi sia l’umore del momento, le mie reazioni potrebbero essere: Hai proprio colto tutto. Incredibile. Devo scrivere ancora di più. Mi diverte da morire.

È bastato rileggere questi ultimi paragrafi e la mia energia è cambiata notevolmente. È passata da una sensazione negativa, spiacevole e cupa, ad una luminosa, allegra e creativa. Preferisco la seconda. Penso che mi concentrerò su questa in futuro, dopotutto è molto più gradevole e incoraggia a scrivere di più.

Tuttavia sono curiosa. Come reagite quando gli altri criticano voi o quello che fate? Che effetto hanno i complimenti su di voi?



Leave a comment

Is life better than fiction?
La vita è meglio di un romanzo?

February 6th, 2013

Is life better than fiction?

Have you ever felt unwell while at work? Perhaps you’ve had a headache, a temperature, or an upset stomach.
Many years ago my husband started to feel ill, he developed a temperature, aches and pains and sneezing, while at work. He decided it was best to go home. But before he left, he went to tell HR.

The lady in HR insisted he should go and see the nurse at work. My husband didn’t feel it was necessary, since it was a simple cold, but the HR woman insisted.

He went to the medic room, and the nurse asked him to sit on the bed. He told her that he just had a cold and wanted to go home, but she insisted he’d sit on the bed while she filled in some forms. The nurse tried to pull the curtain around his bed, but he told her it was not necessary. She ignored him and then went towards her desk. Within seconds something hard and heavy fell on my husband’s head and knocked him back onto the bed. It was a wooden stretcher that had been leaning on the curtain rail (unbeknown to him).

While my husband was still in shock, the nurse ran away and started shouting: “Help, help, I’ve killed him! Help!” Within minutes he was rushed to A&E. When he got there he was very dizzy, a big lump had come out on his head, and he was definitely feeling much worse than a couple of hours earlier. He survived this incident, but his pride didn’t do so well, since he had to put up with endless jokes from colleagues, doctors and nurses.

When I was reading various books about how to write fiction, I noticed that it’s often mentioned that whatever we describe has to be credible. The reader has to believe that such a thing can really happen in life (unless you’re writing sci-fi, fantasy, paranormal, etc). As would-be writers, we are advised against describing events that are unlikely to happen, examples often cited are: unusual coincidences, people waking up from a coma after years, characters losing their memory, etc.
Let’s examine a couple.

Events that are unlikely to happen. How likely is it that a stretcher falls on your head, when you sit on a bed?

Coincidences. This is one of my favourites, because I seem to attract them. When I was working in London many years ago, I used to take the tube to go to the office. One day the northern line had severe delays, so I decided to walk to work. As I was crossing at a pedestrian light, a group of people was coming from the opposite direction. Among them, there was my French teacher! I hadn’t seen her for years: she was my French teacher from Italy! She told me she was just visiting for a
few days. What are the odds of bumping into someone you know among seven million people? I’m not talking about meeting another Londoner, I’m talking about someone who lived abroad and only visited the UK once every few years.

Another one: while in Venice, a few years ago, my husband and I decided to have a coffee at a small bar, on one of the side roads. We didn’t want to go to a bar where the tourists go, we wanted something for the locals. We were having our coffee, the door opened and who happens to enter the bar? My doctor from Cambridge! In 17 years of me living in the Cambridge area, I’ve never, ever, bumped into him here, but I happen to bump into him when I go on holiday in Venice!

The above are just two examples of oddities I’ve experienced, there are many more. And yet, if I described such coincidences in my books, I would be breaking some rules. Someone could say that my characters and events are not credible, and so on.

I think that life always beats fiction. Because some of the things that happen in real life, are often so unreal, that we couldn’t make them up.

Do you have any funny, unusual, incredible stories to share?

La vita è meglio di un romanzo?

Vi è mai capitato di sentirvi male a lavoro? Forse avevate mal di testa, un po’ di febbre, oppure mal di pancia?
Parecchi anni fa mio marito, mentre era a lavoro, ha iniziato a stare male. Gli è venuta la febbre, dolori dappertutto e ha cominciato a starnutire. Ha deciso che era meglio tornare a casa, ma prima di andar via si è recato all’ufficio del personale.

L’impiegata delle risorse umane gli ha chiesto di fare un salto in infermeria. Mio marito sapeva che non era necessario, in quanto si trattava di semplici sintomi influenzali, ma la tipa ha insistito.

Allora è andato in infermeria, l’infermiera di turno gli ha chiesto di sedersi sul lettino. Lui le ha detto che aveva una semplice influenza e voleva solo tornare a casa, ma pure lei ha insistito, intanto avrebbe compilato alcuni moduli. L’infermiera ha cercato di chiudere la tendina/schermo intorno al letto, mio marito le ha detto che non era necessario, lei ha continuato e si è poi diretta verso la sua scrivania. Entro pochi secondi qualcosa di pesante e duro è precipitato sulla testa di mio marito facendolo collassare sul letto. Si trattava di una barella di legno che casualmente era appoggiata sull’asta scorri-tenda (senza che lui ne fosse a conoscenza).

Mentre mio marito era ancora sotto shock, l’infermiera è corsa via e urlava: “Aiuto, aiuto, l’ho ucciso!” Entro pochi minuti l’hanno trascinato al pronto soccorso. Quando è arrivato, aveva forti capogiri e gli era comparso sulla testa un enorme bernoccolo. Si sentiva decisamente peggio di due ore prima. Mio marito è sopravvissuto all’incidente, il suo orgoglio un po’ di meno, visto che ha dovuto subire le battute ricorrenti dei colleghi, infermieri e medici.

Mentre leggevo vari libri che insegnano come scrivere un romanzo, ho notato che questi parlano spesso del fatto che gli eventi che descriviamo nelle nostre storie devono essere credibili. Il lettore deve credere che questo fatto può accadere veramente nella vita (a meno che tu non scriva fantascienza, fantasy, paranormale, ecc). Ai futuri scrittori si raccomanda di non raccontare storie improbabili, gli esempi citati sono: coincidenze insolite, gente che si sveglia da un coma dopo anni, personaggi che perdono la memoria, ecc.
Esaminiamone un paio.

Storie improbabili. Quali sono le probabilità che ti cada in testa una barella mentre sei seduto su un lettino?

Concidenze. Queste sono le mie preferite, perché io le attraggo. Quando lavoravo a Londra tanti anni fa, prendevo la metro per andare in ufficio. Una mattina la northern line aveva dei grossi ritardi, così ho deciso di andare a piedi. Mentre attraversavo al semaforo, un gruppo di persone veniva nella direzione opposta. Tra di loro c’era la mia insegnante di francese! Non la vedevo da anni: lei era la mia insegnante in Italia! Mi ha detto che era venuta a Londra per alcuni giorni. Di nuovo, quali sono le probabilità di imbatterti in qualcuno che conosci tra sette milioni di persone? Non sto parlando di incontrare un altro abitante di Londra, ma di qualcuno che viveva all’estero e veniva in Inghilterra ogni quattro o cinque anni.

Eccone un’altra: mentre ero a Venezia con mio marito, alcuni anni fa, un giorno abbiamo deciso di prenderci un caffè al bar di una viuzza. Non volevamo andare nei grandi bar pieni di turisti, volevamo provarne uno dove ci andavano quelli del posto. Mentre prendevamo il caffè, si apre la porta e chi compare? Il mio medico di Cambridge! In 17 anni che vivo nella zona di Cambridge, non mi è mai capitato, neanche una sola volta, di imbattermi in lui; chiaramente doveva accadere quando andavo in vacanza a Venezia!

Questi sono solo due esempi delle stranezze che mi sono capitate, ce ne sono molte altre. Eppure, se descrivessi tali coincidenze nei miei libri, infrangerei le regole. Qualcuno potrebbe dire che i miei personaggi ed eventi non sono credibili, e robe simili.

Io penso che la vita superi sempre qualsiasi romanzo; in quanto alcune delle cose che accadono nella realtà sono talvolta così surreali, che non arriveremmo mai neanche ad immaginarle.

Avete qualche storia insolita, divertente, incredibile da condividere?



Leave a comment

An alternative point of view
Un punto di vista alternativo

January 23rd, 2013

An alternative point of view

“Do bigger people have bigger feelings?” Strange question, don’t you think? And yet, when I was a child, I sometimes asked myself this question. If I was very excited about something, or if got upset for some reason, that feeling was very strong and intense. So I would look at the grown-ups or at the kids that were older than me and think: are their feelings bigger than mine? How do they do it?

It’s fascinating how we see the world as children. When I couldn’t sleep at night my grandma would say: “Count the sheep. Count at least to 1,000.” This was easy for me to do, as in Sardinia we have lots of sheep. I could barely count to 100, and I’d be gone. I never reached 1,000 sheep. So in my head the number 1,000 was the biggest number ever.

I also believed that each one of us was born with a set amount of words to say. That is, a fixed number of words that would last our entire lifetime. Since 1,000 was the biggest number ever, and people talked a lot, then that must be the most each one could say. If you happened to die early, that was a pity, because you hadn’t used up all your words.

But what about those who were still alive? They just kept talking! Grown-ups, young people, TV presenters, they talked a lot. Did they realize what they were doing? Did they know that they were going to run out of words before the time?

I used to worry about my younger sister, who was a real chatterbox. No matter how many times I’d tell her to be quiet, she didn’t listen to me. Yep, I knew what was going to happen: most of the world would soon go silent, and I would be the only one with lots of words left to say. Wouldn’t that be fun?

Why am I sharing this with you? Because it makes me smile to think that children can see the same world in a different way from adults. It may be a completely distorted way, but still interesting. Since we’ve all been there, did you have any unusual views of the world as children? Did you occasionally wonder why adults behaved in certain ways?

Un punto di vista alternativo

“Le persone più grandi, hanno sentimenti più grandi?” Domanda strana, vero? Eppure da bambina a volte mi ponevo questa domanda. Se ero felicissima per qualcosa, o se mi arrabbiavo per qualche motivo, quell’emozione era molto forte e intensa. Quindi osservavo gli adulti e i bambini più grandi di me e pensavo: i loro sentimenti sono più grandi dei miei? Come fanno?

È affascinante come vediamo il mondo da bambini. Quando non riuscivo a dormire la notte, mia nonna mi diceva: “Conta le pecore. Contane almeno 1.000.” Per me era facile, visto che in Sardegna abbiamo molte pecore. Riuscivo a malapena ad arrivare a 100 che già ero partita. Non sono mai arrivata a 1.000 pecore. Quindi nella mia testa il numero 1.000 era il più grande in assoluto.

Credevo anche che ognuno di noi fosse nato con un numero prestabilito di parole da dire. Ossia, un numero fisso di parole che doveva durarci tutta la vita. Visto che 1.000 era il numero più grande che esistesse, e visto che la gente parlava tanto, allora quello doveva essere il massimo di parole che potessimo dire. Se ti capitava di morire presto era un peccato, perché non avevi usato tutte le tue parole.

Ma che dire degli altri ancora vivi? Non facevano che parlare! I grandi, i giovani, i presentatori della TV, parlavano un sacco. Si rendevano conto di quello che stavano facendo? Lo sapevano che stavano per finire le loro parole prima del tempo?

Mi preoccupavo per mia sorellina. che era una vera chiaccherona. Per quanto le dicessi di stare zitta, lei non mi dava retta. Ebbene sì, lo sapevo cosa sarebbe successo: tutto il mondo avrebbe finito di parlare presto e io sarei stata l’unica ad avere ancora un sacco di parole da dire. Non sarebbe stato divertente?

Perché vi racconto questo? Perché mi vien da sorridere quando penso che i bambini possano vedere il mondo in maniera diversa da un adulto. Può essere un modo completamente distorto, ma pur sempre interessante. Visto che ci siamo passati tutti, avevate qualche concetto particolare del mondo, da piccoli? Vi chiedevate di tanto in tanto perché i grandi si comportassero in un certo modo?



Leave a comment

Old resolutions and new ones
Vecchi propositi e nuovi

January 9th, 2013

Old resolutions and new ones

I’ve been reading the latest blog posts by fellow writers recently, and it’s inspiring to see their plans for the future and what they intend to achieve.

I haven’t set any resolutions yet for 2013. I thought I’d better check out first how I did in 2012: did I manage to stick to the old ones?

In my blog post of December 2011 the conclusion was: next year’s resolution will be to achieve exactly the opposite. Grumble once a week and be grateful every day. Yes, I was referring to the fact that I often complain about things and I needed to redress the balance.

So how did I do? Was I grateful every day in 2012? Did I only grumble once a week?

Now looking back… I think I was able to stick to the first part, the being grateful one, I mean. I tend to use the first waking moments of my day, and the last minutes before I fall asleep at night, to reflect a little. Nothing too philosophical really, as at those times I’m kind of half asleep anyway. Merely just a few thoughts to get tuned in to the right frequency.

So, I can probably say that I was thankful, every day, sometimes more than once a day, about the following: being alive, having a roof over my head, having food on my table, being (relatively) healthy, having a loving family and supportive friends.

I was also grateful for other things, occasionally, such as enjoying an uninterrupted night sleep (those who have children will know what I’m talking about) or for selling two copies of my book the previous day.

Actually, if I really stopped and wrote down the whole list of things to be grateful for in my life, this could run for several pages. I just need to remind myself of that more often.

However, the second part, the one about complaining only once a week… well, I didn’t do so well :-(
Let me just say first that I’m not a grumpy person by nature: I’m not in the habit of complaining for no reason, I just don’t want you to get the wrong impression, you never know. I only grumble about things that are annoying, such as having a headache. Yes, this was my complaint number one in 2012.

I’ve suffered with migraines for over 20 years now, and they don’t seem to get better. I’ve tried all there is out there to get relief, and am still trying. So what’s the upshot? Last year I’ve had a headache on average 6 days a week, and I’m not exaggerating. My migraines can last from an hour (if I manage to stop them on time with the right meds) to 48 hours. The day I don’t get a migraine, I suffer with backache, probably as a result of the previous migraine. So, you get the picture.

Now, I don’t want to sound like I’m being defensive for not sticking to my new year’s resolution, but would you be able to simply keep quiet or ignore a thumping head? Could you carry on with your daily activities as if all were well? Day in and day out? Or are you more like me, and you would just blurt out something like “Bloody hell! Another migraine!” or “I can’t stand Sofia screaming. It’s driving me nuts!” or “How on earth am I going to play Whole Lotta Rosie with this?”

So, yes, I complained every time I had a migraine; that is lots of times. And to be honest, I grumbled about other stuff as well, occasionally.

Which now makes me wonder… What new year resolution can I set that it is more likely to be achieved? What are your own plans for 2013? Did you stick to your old resolutions?

Vecchi propositi e nuovi

In questi giorni sto leggendo molti articoli blog di altri scrittori; è davvero un’ispirazione vedere i loro progetti per il futuro e ciò che intendono realizzare.

Io non mi sono ancora posta degli obbiettivi per il 2013. Ho pensato che prima era meglio controllare come me la sono cavata con quelli del 2012: sono riuscita a raggiungerli?

Nel mio blog di dicembre 2011 la conclusione era: il mio proposito per il Nuovo Anno sarà quello di realizzare esattamente il contrario. Lamentarmi una volta alla settimana, ed essere grata una volta al giorno. Sì, mi riferivo al fatto che mi lamentavo spesso e dovevo ri-equilibrare le cose.

Quindi, come me la sono cavata? Sono stata riconoscente ogni giorno nel 2012? Ho brontolato solo una volta la settimana?

Ora, guardando al passato… Mi pare di esser riuscita a rispettare la prima parte, quella dell’essere grati, intendo. Di solito durante i primi momenti del risveglio al mattino, e gli ultimi minuti prima di addormentarmi la notte, cerco di riflettere un pochino. Niente di altamente filosofico, visto che a quelle ore sono comunque mezzo addormentata. Giusto qualche pensiero che mi faccia sintonizzare sulla frequenza giusta.

Quindi, penso di poter dire che sono stata riconoscente tutti i giorni, e ogni tanto anche più di una volta al giorno, per queste cose: l’esser viva, l’avere un tetto sopra la mia testa, l’avere cibo in tavola, godere di buona salute (relativamente), avere una famiglia affettuosa e degli amici premurosi.

Sono stata riconoscente anche per altre cose, di tanto in tanto, come l’aver dormito una notte intera senza interruzioni (chi di voi ha bambini sa di cosa parlo), oppure per aver venduto due copie del mio libro il giorno prima.

In effetti, se veramente mi fermassi a scrivere la lista completa delle cose di cui sono grata, di sicuro sarebbe lunga parecchie pagine. Ho bisogno di ricordarmelo ogni tanto.

Tuttavia, la seconda parte, quella del lamentarsi solo una volta la settimana… ebbene, non me la sono cavata così bene :-(

Facciamo una premessa però: non è mia abitudine lamentarmi senza motivo, non voglio che vi facciate un’impressione sbagliata, non si sa mai. Brontolo solo per le cose fastidiose, tipo avere il mal di testa. Sì, questa è stata la mia lamentela al primo posto nel 2012.

Soffro di emicranie da 20 anni, e non accennano a migliorare. Ho provato tutto ciò che c’è da provare per stare meglio, e continuo a provare. I risultati? L’anno scorso ho avuto il mal di testa in media 6 giorni alla settimana, e non sto esagerando. Le mie emicranie durano da un’ora (se riesco a bloccarle in tempo con le medicine giuste) fino a 48 ore. Il giorno in cui non ho mal di testa, mi viene il mal di schiena, probabilmente per effetto dell’emicrania precedente. Insomma, vi fate un’idea.

Ora, non voglio tirar fuori scuse per non aver aderito al mio proposito di non lamentarmi, ma voi riuscireste a star zitti o ad ignorare una testa che picchia come un tamburo? Potreste continuare con le vostre attività giornaliere come se niente fosse? Tutti i santi giorni? O siete più come me, e magari vi scappa qualcosa tipo “Maledizione! Un’altra emicrania!” o “Non sopporto gli strilli di Sofia. Mi stanno facendo dannare!” oppure “Come cavolo faccio ora a suonare Whole Lotta Rosie?”

Ebbene sì, mi sono lamentata ogni volta che avevo mal di testa, e questo vuol dire molte volte. E ad esser sinceri, ho brontolato pure per altre ragioni, ogni tanto.

Il che ora mi fa chiedere… che obbiettivo per il Nuovo Anno posso prefiggermi, che mi consenta di raggiungerlo più facilmente? Quali sono i vostri progetti per il 2013? Siete riusciti a rispettare i vostri vecchi propositi?



Leave a comment

A Christmas Rock
Un Natale Rock

December 19th, 2012

A Christmas Rock

This post will be brief, as I realize that everyone is busy preparing for the Festive season. Or busy doing other stuff.

I have a very long to-do-list, which is unusual for me, as I don’t keep lists. But this time things were getting out of control so I started one. Well, it’s not working. The items are not getting ticked, and if anything, the list is growing :-(

So, I decided to ignore my list and put some music on. I wanted to listen to something Christmassy. But the radio only plays the old classic pop songs, and the occasional Carol.

I really wanted something different with a more upbeat Christmas riff.
My friends know that deep down at heart, I’m a rock chick. Maybe no so deep down.

I found this short clip on youtube which I really like. I thought I could share it with you all, hope you enjoy it just as much as I did.

HAVE A ROCKING CHRISTMAS, EVERYONE!

Un Natale Rock

Questo post sarà breve, in quanto mi rendo conto che tutti sono molto impegnati coi preparativi delle festività. O impegnati a fare altro.

Ho una lunga lista di cose da fare, cosa insolita per me, visto che non faccio mai liste. Ma stavolta le cose mi stavano sfuggendo di mano, così ho cominciato a segnarmele. Ebbene, non sta funzionando. I punti della mia lista sono ancora lì, non cancellati, anzi, se ne aggiungono altri :-(

Così ho deciso di ignorare la mia lista e metter su un po’ di musica. Volevo ascoltare qualcosa di natalizio. Ma alla radio mettono solo le classiche canzoni pop e qualche canto di Natale.

Volevo qualcosa di diverso, con un ritmo un po’ più energico. I miei amici lo sanno che in fondo in fondo, sono una rock chick. Forse non poi tanto in fondo.

Ho trovato questo video su youtube che mi ha divertito un sacco. Pensavo di condividerlo con voi, spero vi piaccia.

AUGURI PER UN NATALE ROCK!



Leave a comment

Murphy’s Law
La Legge di Murphy

December 5th, 2012

Murphy’s Law

“If anything can go wrong, it will.” I had a taste of this recently, when I decided to spend a day in London. The book I’m working on is set in London and I wanted to see the places that are mentioned in my story. I had planned to take photos of these spots, so I could describe them more accurately later on.

My husband suggested I use Google Earth, and see all these locations in London from the comfort of my own home. But writers don’t simply want to see, we want to feel the place, smell it, hear it, touch it. And pay a visit to the shops, while we’re at it.

I looked at the weather forecast for the capital: Thursday that week was supposed to be sunny, so I arranged to take a day off work. When I got up that morning, the sky was grey in Cambridgeshire. Not a great start, but surely it would be better in London.

While I was on the train, I decided which places I would visit. My main character lives in Hampstead, so that was going to be my first stop. I downloaded Google Maps on my Blackberry phone, because I needed some sort of guide to tell me where to go. I am useless at directions. I used to live in London in the past. But even if I have been to a place many times, I still struggle. I’m not great with maps either, that is why I thought Google Maps on the phone was a good app: it actually tells you where to go – if you programme it right, that is.

Once I got to King’s Cross station, I headed straight for the underground. I arrived at Hampstead tube station with great expectations. It was raining. Yes, you read right: it was raining. Hadn’t the BBC Weather forecast said that it was going to be sunny in London? OK to get it wrong, a little wrong, but so wrong? I had no umbrella of course, because I had placed my trust on the experts.

I walked around the lovely streets in Hampstead and saw a few spots which were perfect for my book setting. I decided to take some pictures. Yes, I decided, but my blackberry phone decided against me. It wasn’t cooperating. What was wrong? There wasn’t enough light, apparently. So what? Don’t phones have a flash? Why wasn’t mine coming on? I tried various buttons, but no flash, no photos. It was one of those moments in life where throwing that damn phone and stamping on it would’ve been perfectly justifiable. But I still needed it.

What else could I do to memorize the scenery? I needed to take notes. I hadn’t brought my pen and paper, because my phone had a recording option. So I thought I could dictate my comments. Not a problem. My story is set in the summer, during some glorious hot days. But there I was, on a beautiful hilly avenue, leaning against a tall tree which provided some shelter from the rain, its golden wet leaves gently falling over me. Yes, I was trying to imagine the same setting in the summer. Did I mention that it was also cold? My hands were frozen, and my phone was shaking – as was my voice.

My next stop was King’s Road, where I bought an ice-cream. I know, I did wonder if it made much sense to buy one, but the vanilla and chocolate flavours looked irresistible. I think it would’ve tasted better in July, as it was so icy that I could barely detect the taste. Also, it’s no mean feat carrying a blackberry on one hand and an ice-cream in a tub with the other: I didn’t have a spare hand for the spoon. I should’ve got a cone version, but two flavours didn’t fit in a cone – maybe I wasn’t meant to eat ice-cream that day.

I then walked towards Victoria, and I finally reached St James’ Park. At this point, I noticed, with great worry, that my phone’s battery was getting very low. Why on earth was my battery dying? I hadn’t made a single phone call, nor taken any pictures yet. Then I happened to notice that Google Maps had kept track of each single movement I had made. I hadn’t asked it to do so, but it had deliberately decided to spy on me, and in doing so, it was eating all the power from the phone. “Quickly, let’s get some photos of St James’s Park, before it’s too late.” I managed a few, and then my device died. What a failure of technology. Just when you think you can trust it.

Lessons learnt for future expeditions: do not trust the weather man, when in the UK, carry an umbrella at all times; take a proper camera with you; make sure you have pen, paper and a map. If you can’t read maps, don’t bother.

La Legge di Murphy

“Se qualcosa può andar storto, lo farà.” Ho avuto un piccolo assaggio di questo, proprio di recente, quando ho deciso di trascorrere una giornata a Londra. Il libro sul quale sto lavorando è ambientato a Londra, così volevo vedere i luoghi menzionati nella mia storia. Avevo pianificato di fare delle foto, in modo da descrivere questi posti più accuratamente.

Mio marito mi ha proposto di usare Google Earth, e di vedere queste zone direttamente da casa mia, sul PC. Ma gli scrittori non vogliono semplicemente vedere, noi dobbiamo avere un feeling per un determinato posto, sentirne i profumi, i suoni, toccare con mano. E fare un salto nei negozi, visto che ci siamo.

Ho guardato le previsioni metereologiche per la capitale: quel giovedì ci sarebbe stato il sole, così mi sono organizzata e ho preso un giorno di ferie. Quando mi sono alzata quella mattina, il cielo del Cambridgeshire era grigio. Non un buon inizio, ma sicuramente sarebbe stato meglio a Londra.

Mentre ero sul treno, ho deciso quali posti avrei visto. Il mio personaggio principale vive ad Hampsted, così quella sarebbe stata la mia prima fermata. Ho scaricato Google Maps sul mio Blackberry, in quanto avevo bisogno di una guida che mi dicesse dove andare. Sono una frana nell’orientarmi . Un tempo vivevo a Londra, ma anche se sono stata in un posto parecchie volte, faccio sempre fatica. Non sono neanche brava a leggere le cartine, ecco perché ho pensato che Google Maps sul telefonino fosse una buona app: ti dice esattamente dove andare, se lo programmi in modo giusto, intendo.

Una volta giunta alla stazione di King’s Cross, mi sono diretta verso la metropolitana. Sono poi uscita dalla stazione di Hampstead con grandi aspettative. Pioveva. Sì, avete letto bene: stava piovendo. Ma la BBC Meteo non aveva detto che ci sarebbe stato il sole a Londra? Va bene sbagliarsi, un pochino, ma così tanto? Non avevo l’ombrello naturalmente, perché mi ero fidata degli esperti.

Ho iniziato a camminare nelle graziose stradine di Hampsted e ho notato dei posticini perfetti per il mio libro. Così ho deciso di iniziare a fare le foto. Sì, ho deciso, ma il mio Blackberry ha deciso contro di me. Non voleva collaborare. Qual’era il problema? La mancanza di luce, a quanto pare. E allora? I cellulari non hanno il flash? Perché il mio non si attivava? Ho provato a pigiare i vari tasti, ma niente flash, niente foto. Era uno di quei momenti nella vita dove lanciare il cellulare per terra e poi calpestarlo con forza sarebbe stato perfettamente giustificabile. Però ne avevo bisogno.

Cos’altro potevo fare per memorizzare la scena? Avevo bisogno di prendere appunti. Non mi ero portata carta e penna, perché col mio telefonino si poteva registrare. Così ho pensato di dettare i miei commenti. Nessun problema. La mia storia ha luogo d’estate, durante alcune giornate calde e meravigliose. Ma io ero là, su questo bel viale alberato, appoggiata ad un albero che mi riparava dalla pioggia, mentre le sue foglie dorate e bagnate mi cadevano delicatamente addosso. Sì, stavo cercando di immaginare la scena d’estate. L’ho detto che faceva anche freddo? Le mie mani erano congelate, e il mio cellulare tremava – così anche la mia voce.

La prossima tappa era King’s Road, dove ho comprato un gelato. Lo so, me lo sono chiesta se avesse senso, ma quei gusti vaniglia e cioccolato parevano irresistibili. Sono sicura che sarebbe stato più buono a luglio, visto che era così ghiacciato che non riuscivo neanche a sentirne il gusto. Come se non bastasse, tenere un telefonino con una mano, e un gelato in coppetta con l’altra, mica è facile: mi mancava una mano extra per il cucchiaino. Avrei dovuto prendere il cono, ma i due gusti non ci stavano nel cono – forse non era destino che mangiassi il gelato quel giorno.

Poi mi sono incamminata verso Victoria e alla fine sono arriva a St James’ Park. A questo punto ho notato, con grande preoccupazione, che la batteria del mio cellulare si stava scaricando. Com’era possible? Non avevo fatto nessuna telefonata e neanche scattato una foto. Mi sono accorta che Google Maps aveva tracciato tutto il mio percorso, fin dall’inizio. Non gliel’avevo mica chiesto di fare questo, ma aveva deciso di spiarmi, e così facendo si stava divorando tutta l’energia.

“Veloce, facciamo qualche foto a St James’ Park prima che sia troppo tardi.” Sono riuscita a farne alcune, prima che morisse il cellulare. Che tecnologia fallimentare. Proprio quando pensi di poterci fare affidamento.

Lezione per le spedizioni future: non fidarti dei metereologi, quando sei in Gran Bretagna prendi sempre l’ombrello, usa una macchina fotografica vera e propria, assicurati di avere carta, penna e mappa stradale. Se non sai leggere le mappe, lascia perdere.



Leave a comment

The Next Big Thing
Il Prossimo Grande Successo

November 21st, 2012

The Next Big Thing

Thank you to the lovely Joanne Phillips for asking me to contribute to The Next Big Thing. Authors are supposed to answer a few questions about their work in progress.
So, here we go:

1. What is the title of your book?
The Broken Heart Refuge

2. Where did the idea come from for the book?
I was watching a film on TV one evening, one of the characters was attending a support group for people with an alcohol addiction. During the TV adverts I started to think of how many such groups existed. I had heard of Centres which provided help for all sorts of difficulties: mental health issues, drug and gambling addictions, grief, coping with physical disabilities, and so on. But I never heard of a Centre where people with a broken heart could go for support. And yet, having you heart broken is an extremely painful experience; when you are going through it, it’s overwhelming and it can take over the rest of your life. So, I decided to create The Broken Heart Refuge. It’s about a charity run by an Italian Grandma in London, and offers support, friendship and a warm welcome to people who are suffering for love.

3. What genre does your book fall under?
Romantic fiction.

4. What actors would you choose to play the part of your characters in a movie rendition?

The Italian Grandma, Nonna Pina, could be played by Judi Dench. She has the austerity and warmth of an Italian granny. I’m sure she could do a really good Italian accent.

5. What is the one sentence synopsis for your book?
Never give up on love.

6. Will your book be self-published or through an agency?
Self-published.

7. How long did it take you to write the first draft of your manuscript?
I started working on it last July and I’m half way through. I’m hoping to have the first draft finished by January 2013.

8. What other books would you compare this story to within your genre?
Most romantic novels cover the aspects which cause suffering in love: being rejected, betrayal, unreciprocated feelings, loss of someone dear, etc. But I haven’t come across any other novel with a similar idea: a haven where our broken hearted characters can get together, share their experiences and support each other.

9. Who or what inspired you to write this story?
I’ve always been fascinated by how people cope during difficult times. We often rely on close friends or relatives for help and support. But sometimes we don’t have the right person to talk to, and we may feel that it’s easier to talk to strangers about our problems, people who don’t know us. That’s how The Broken Heart Refuge was born, a place where people who share the same experience can find empathy and kindness.

10. What else about your book might pique the reader’s interest?
The book is going to be a novella and I’d like it to become part of a series. The title will always be The Broken Heart Refuge, but we will have Episode 1, 2, 3 and so on. Each Episode is likely to revolve around a specific theme. We will follow the adventures of Nonna Pina, assisted by her lovely volunteers, as they encounter all sorts of people with different experiences. Our main characters will remain present, and they will grow as the Episodes grow in number; it’s going to be an interesting journey, for me too :-)

11. Which other writers would you like to tag to tell us about their Next Big Thing?
I’d like to tag Stefania Mattana, she’s working on a very interesting project and I can’t wait to find out more about it myself. Over to you Stefania…

Il Prossimo Grande Successo

Voglio ringraziare la simpaticissima Joanne Phillips per avermi chiesto di far parte di The Next Big Thing – Il Prossimo Grande Successo. Si tratta di un’iniziativa dove gli autori blogger sono invitati a rispondere ad alcune domande che riguardano il libro sul quale stanno lavorando.
Allora, lanciamoci.

1. Qual’è il titolo del libro?
Il Rifugio dei Cuori Infranti

2. Da dove è saltata fuori l’idea di questo libro?
Una sera guardavo un film in TV, dove uno dei personaggi frequentava un gruppo di supporto per alcolizzati. Durante la pausa pubblicitaria ho iniziato a pensare a tutti i gruppi simili che potessero esistere. Avevo sentito di Centri che potevano aiutare persone con diverse difficoltà: dalle malattie mentali, alle dipendenze di droghe o giochi d’azzardo, dalle sofferenze del lutto, all’handicap fisico, ecc. Però non avevo mai sentito parlare di un Centro dove le persone col cuore infranto potessero recarsi. Eppure, un cuore spezzato è un’esperienza estremamente dolorosa; quando ci sei in mezzo è travolgente e può prendere il sopravvento sulla tua vita. Così ho deciso di creare Il Rifugio dei Cuori Infranti. Parla di un Centro, gestito da una nonna italiana a Londra, che offre sostegno, amicizia e un caldo benvenuto alle persone che soffrono per amore.

3. Di che genere è il libro?
Romanzo rosa.

4. Se dovessero farci un film, che attori sceglieresti per i tuoi personaggi?
Per la nonna italiana, che si chiama Nonna Pina, un’ottima scelta potrebbe essere Judi Dench. Possiede l’austerità e il calore di una nonna italiana. Sono sicura che se la caverebbe benissimo a parlare l’inglese con l’accento italiano.

5. Che frase potrebbe riassumere il libro intero?
Non rinunciare mai all’amore.

6. Conti di pubblicare da solo o tramite agenzia?
Da sola.

7. Quanto tempo c’è voluto per scrivere la prima bozza del manoscritto?
Ho iniziato a lavorarci a luglio e sono arrivata a metà. Spero di finire la prima bozza (quella in inglese) entro gennaio 2013.

8. Che altri libri di questo genere possono essere paragonati al tuo?
La maggior parte dei romanzi rosa copre gli aspetti che possono causare sofferenza in amore: l’essere rifiutati, il tradimento, i sentimenti non corrisposti, la perdita di una persona cara, ecc. Però non mi è capitato di trovare nessun romanzo con un’idea simile alla mia: un rifugio dove i nostri personaggi dal cuore infranto possano ritrovarsi, condividere le loro esperienze e sostenersi a vicenda.

9. Chi o cosa ti ha ispirato a scrivere questa storia?
Mi ha sempre incuriosito come le persone affrontino le loro difficoltà. Spesso ci affidiamo agli amici stretti o ai parenti nel chiedere aiuto e sostegno. Ma delle volte non abbiamo la persona giusta con cui sfogarci, e sentiamo che è più facile parlare con degli sconosciuti dei nostri problemi, persone che non ci conoscono. Ecco com’è nato Il Rifugio dei Cuori Infranti, un luogo dove le persone possono condividere le stesse esperienze e trovare comprensione e affetto.

10. Cos’altro del tuo libro potrebbe stimolare l’attenzione del lettore?
Il libro sarà un romanzo breve e vorrei che diventasse parte di una serie. Il titolo sarà sempre Il Rifugio dei Cuori Infranti, ma avremo Episodio 1, 2, 3, ecc. Ogni episodio potrebbe trattare un tema particolare. Seguiremo le avventure di Nonna Pina, aiutata dalle sue simpatiche volontarie, che si imbattono in persone di ogni tipo e dalle esperienze più diverse. I nostri personaggi principali saranno sempre presenti, e cresceranno, come crescerà il numero degli episodi; penso che sarà un percorso interessante anche per me :-)

11. A chi altri vuoi chiedere di far parte di The Next Big Thing?
Vorrei invitare Stefania Mattana, so che sta lavorando a un progetto molto interessante e non vedo l’ora di saperne di più anch’io. Passo a te Stefania…



Leave a comment

Fears and expectations
Paure e aspettative

November 7th, 2012

Fears and expectations

How many times have you been stung by a wasp? Seriously. Unless you happen to be playing with a nest full of those unpleasant insects, it’s unlikely any human being would get stung more than 2-3 times during their life time.

Maybe I’m not your average person, since I’ve been stung so many times, that I lost count. The first time I was only four years old. A wasp was crawling on the kitchen window. I didn’t know at the time that they were awful, nasty creatures, so I thought I’d poke it with my finger to see what it would do. That wicked thing stung me, mercilessly. Then it flew away. I was truly shocked, because it hurt like hell. My mum came to the rescue and explained that I should stay away from them.

So I became very wary of wasps and bees. To me they looked and sounded the same, they both had a sting, hence they were dangerous. But they seemed to be everywhere: in my auntie’s garden, at the beach, even at the cemetery. The world wasn’t a safe place to be.

We used to take flowers to my grandma’s grave, and they used to come after me. I got stung while I was rinsing the vase, when I was throwing away the withered flowers, and when I was polishing her gravestone. Ordinary trips to the cemetery had become my nightmare. The other children were scared of potential zombies crawling from under ground, but not me. They were friends compared to the wasps.

When you go to the beach, you’re supposed to have fun, right? Sardinian beaches are wonderful, the sea is transparent, the sand is golden, and the summer days are really hot. We used to have so much fun. Except, when I got stung by wandering wasps. It did happen, of course. Several times. Once I was sunbathing and chatting with my friends, there were 12 of us. Well, I didn’t even realize that a wasp had landed on my left thigh, until it stung me. What had I done to deserve this? I don’t even remember making any nasty remarks. And why had it picked me among 12 people?

But what I really hated were the wasps that decided fly inside my car while I was driving. I tell friends about this, and they say it’s never happened to them. No? Why not? It has happened to me loads of times. In the 1990s, when not many cars had air conditioning, I used to drive with my windows open, in the summer. Once, I was driving 100km per hour, when one of those stinging creatures entered through the open window, hit me in my forehead and then started to buzz aimlessly inside the car. I swear, it was like being hit by a bullet, it hurt more than the sting. I had to stop the car and let the thing out. My forehead kept thumping for hours afterwards.

It seems that even a relaxing experience like having a warm shower, should be short lived. Have you ever put your bathrobe on and realized there was a wasp inside one of the sleeves? Probably not. There’s nothing worse than being attacked by your enemy when you don’t expect it. This sort of experience can scar you for life.

I often wondered why this happened to me. I recently read things like ‘the mind is creative’, ‘what you resist, persists’, etc. So I started to examine this strange pattern. Could it be that unconsciously I was attracting the very thing I didn’t want? For example, when I used to take flowers to my grandma’s grave, I kept thinking on the journey there “let’s hope there are no wasps this time” or “I wonder if I will get stung today”. So, is it possible that my fear was actually materializing the very thing I was scared of?

I have not been stung by any wasp in the last three years (and I’m keeping quiet about this, you never know). And yet I’ve seen them around occasionally. What has changed in the last three years? I became a Mum. What does this mean? Maybe that my mind is occupied by other high priority things, so when I spot them, the nasty horrible stinging bugs I mean, I don’t pay much attention anymore. If my little girl and I are walking along the river, and one of those monsters flies towards me, as it happens, I still concentrate on keeping a tight hold of her hand, as the river represents a far worse danger. All gets put into perspective again.

Have you ever been scared of something? Did this something keep happening to you?

Paure e aspettative

Quante volte vi è capitato di esser stati punti da una vespa? Sul serio. A meno che non ci si metta a giocherellare con un nido di quelle creature antipatiche, è improbabile che una persona venga punta più di 2-3 volte durante la sua vita.

Forse io non sono la persona tipica, visto che sono stata punta molte volte, così tante che ho perso il conto. La prima volta avevo quattro anni. Una vespa stava passeggiando nel vetro della finestra in cucina. All’epoca non sapevo che si trattasse di una creatura orribile e cattiva, così ho pensato di toccarla col ditino per vedere cosa avrebbe fatto. Quel mostro crudele mi ha punto, senza pietà, e poi è volato via. Ero sotto shock, perchè faceva un male da cani. Mia mamma è accorsa subito e mi ha spiegato che dovevo stare lontana da quegli insetti.

Così ho imparato a fare molta attenzione alle vespe e alle api. A me sembravano uguali, ronzavano allo stesso modo e tutte e due avevano un pungiglione, quindi erano pericolose. Purtroppo però erano dappertutto: nel giardino di mia zia, nella spiaggia e perfino in cimitero. Il mondo non era un luogo dove sentirsi al sicuro.

Di venerdì portavamo i fiori alla tomba di mia nonna, e loro mi perseguitavano. Sono stata punta mentre risciacquavo il vaso, mentro buttavo via i fiori appassiti e mentre pulivo la lapide. Una semplice visita al cimitero era diventata il mio incubo. Gli altri bambini avevano paura degli zombie che potevano trascinarsi da sotto terra, ma io no. Quelli erano amici in confronto alle vespe.

Quando vai al mare di norma ti diverti, no? Le spiagge sarde sono stupende, l’acqua è cristallina, la sabbia è dorata, e le giornate estive sono belle calde. Ci divertivamo un sacco. Eccetto quando venivo punta da vespe vaganti. Capitava, naturalmente. Spesso. Una volta ero sdraiata al sole e chiaccheravo con gli amici, eravamo una dozzina. Ebbene, non mi ero neanche accorta che una vespa fosse atterrata sulla mia coscia sinistra finché non mi ha punto. Cosa avevo fatto per meritare questo? Non ricordo neanche di aver fatto dei commenti cattivi. E perché aveva deciso di pungere proprio me, fra 12 persone?

Ma la cosa che odiavo erano le vespe che decidevano di volare dentro la mia macchina mentre guidavo. Lo racconto ai miei amici e mi dicono che a loro non è mai capitato. No? Perché no? A me è successo un sacco di volte. Negli anni ’90, molte auto non avevano ancora l’aria condizionata, quindi d’estate guidavo coi finestrini aperti. Una volta andavo a circa 100km all’ora, quando una di quelle creature pungenti si è lanciata attraverso il finestrino aperto, colpendomi sulla fronte, e poi ha deciso di svolazzare dentro l’abitacolo. Giuro, era come se mi avesse colpito un proiettile, faceva più male del pizzico. Ho dovuto fermare l’auto e lasciare uscire il mostro. La mia fronte ha continuato a pulsare per ore, dopo.

Sembra che perfino il piacere di una calda doccia rilassante non possa avere lunga durata. Vi è mai capito di infilarvi l’accappatoio e di scoprire che dentro la manica c’è una vespa? Probabilmente no. Non c’è niente di peggio che essere attaccati dal nemico quando non ce lo aspettiamo. Questo tipo di esperienza ti può lasciare cicatrici che durano una vita.

Mi sono chiesta spesso perché queste cose capitino a me. Da poco ho letto queste frasi “la mente è capace di creare”, “quello a cui opponi resistenza, persiste”, ecc. Così ho cercato di esaminare questi strani eventi. Forse inconsciamente stavo attraendo proprio la cosa che volevo evitare? Per esempio, quando portavo i fiori alla tomba di mia nonna, mentre camminavo pensavo “speriamo che non ci siano vespe oggi”, oppure “chissà se oggi mi pungeranno”. È possible quindi, che la mia paura stesse facendo realizzare proprio la cosa che temevo?

Non sono stata punta da nessuna vespa negli ultimi tre anni (e lo dico sottovoce, non si sa mai). Eppure le ho viste svolazzare ogni tanto. Cosa è cambiato negli ultimi tre anni? Sono diventata mamma. Cosa significa? Forse che la mia mente è occupata da altre cose che hanno più importanza, e magari quando le vedo, mi riferisco a quegli orribili mostri pungenti, non ci faccio più caso. Se con la mia bambina andiamo a fare una passeggiata lungo fiume, e uno di quegli insetti vola nella mia direzione, come capita, continuo a concentrarmi nel tenere stretta la mano della piccola, visto che il fiume rappresenta un pericolo ben maggiore. Tutto viene messo in prospettiva di nuovo.

Avete mai avuto paura di qualcosa? Questo qualcosa, continuava a capitarvi?



Leave a comment

How a book is born. Part 5: the Why
Come nasce un libro. Parte 5: il Perché

October 24th, 2012

How a book is born. Part 5: the Why

I’m not going to talk about why a person writes a book. I’m going to talk about why a person writes that specific book. I’m referring to fiction, of course.
When you choose to tell a story, what motivates you? Maybe it’s a topic in fashion at the moment, so you expect it will sell well. Perhaps you just want to entertain, and simply tell a good story. Maybe you’re trying to draw attention to a specific issue, something that can make people think, and possibly a story, rather than a non-fiction book, may work best. I’m sure there are other reasons, but they don’t come to mind right now.

The process is not one way though. The readers play an important role too, and each of them may interpret the book in their own way. Sometimes, they can assume things that the writer didn’t mean to suggest, or they could miss an important message that the author wanted to convey.
Does this mean that there was a breakdown in communication at some point? Probably not.
Perhaps the truth is that alls of us, when we read, we choose what we want to see in that story, or simply what we are ready to see.

So, why did I choose to write A Deal with a Stranger? I don’t want to give away too much, as many of you have not read the book (and may not intend to read it). I didn’t know why I wanted to write this story when I started, my instinct was guiding me and I followed it. I think I kind of figured it out when I finished it though.

If I strip my novel of its romantic garments, and take away the beautiful Sardinia setting, what is really left? Could the story work anywhere else, with other characters and no romance involved? What is the story really about? I would say, in one word, it’s about indifference.

And here, I could write lots about indifference, but I don’t want to. It’s just something that occurred to me when I completed my book. There is a lot of suffering around us, sometimes even too close to notice. And yet, we can be indifferent to it, for all sorts of reasons. And this very indifference can have dramatic effects, causing even more suffering.

Have you recently come across a book that had a particular message for you? Or have you finished a book and felt you really understood why the author wrote that story? Or has this blog post left you particularly indifferent to the whole subject?

Come nasce un libro. Parte 5: il Perché

Non intendo discutere sul perché una persona scriva un libro. Intendo parlare del perché una persona scriva quel determinato libro. Mi riferisco alla narrativa, naturalmente.
Quando decidi di raccontare una storia, quali sono le tue motivazioni? Forse l’argomento va di moda al momento, quindi le vendite potrebbero andare bene. Oppure vuoi scrivere qualcosa che è coinvolgente, semplicemente raccontare una bella storia. Magari vuoi portare l’attenzione del lettore su un argomento particolare, qualcosa che faccia riflettere, e un racconto potrebbe prestarsi meglio che un saggio. Sono sicura che ci sono altre ragioni, ma al momento non mi vengono in mente.

Il processo non è a senso unico però. Anche i lettori hanno un ruolo importante, e ciascuno di loro può interpretare il libro a modo suo. A volte capita che capiscono cose che lo scrittore non voleva dire, oppure non colgono un messaggio importante che lo scrittore voleva trasmettere.
Ma questo vuol dire che c’è stato un problema di comunicazione? Probabilmente no.
Forse la verità è che tutti noi, quando leggiamo, scegliamo quello che vogliamo vedere in una storia, o semplicemente quello che siamo pronti a vedere.

Quindi, perché ho scelto di scrivere Un Patto con una Sconosciuta? Non voglio svelare troppo, perché parecchi di voi non hanno letto il libro (e potrebbero non volerlo leggere). Non sapevo perché volessi raccontare proprio questa storia; quando ho iniziato a scrivere, il mio istinto mi guidava e io seguivo. Penso però di averlo intuito quando l’ho finito.

Se spoglio il mio romanzo dei suoi abiti romantici, e porto via il bel paesaggio della Sardegna, cosa rimane? La storia potrebbe funzionare da qualsiasi altra parte, con altri personaggi, e senza quel tocco di rosa? Di che cosa parla veramente il libro? Forse, in una sola parola, potrei dire che parla di indifferenza.

E qui potrei scrivere un sacco sull’indifferenza, ma non lo voglio fare. È qualcosa che è mi venuto in mente quando ho finito il libro. C’è molta sofferenza intorno a noi, a volte anche troppo vicina per poterla notare. Eppure, spesso siamo indifferenti nei suoi riguardi, per tutta una serie di motivi. E questa stessa indifferenza può avere effetti drammatici, e provocare a sua volta ancora più dolore.

Avete letto qualche libro di recente, che avesse un messaggio particolare per voi? Avete finito un romanzo e vi è sembrato di capire perchè l’autore ha scelto quel tema? Oppure questo post vi ha lasciato particolarmente indifferenti sull’argomento?



Leave a comment

How a book is born. Part 4: the Who
Come nasce un libro. Parte 4: il Chi

October 10th, 2012

How a book is born. Part 4: the Who

“Who is the book meant for?” Apparently when you submit your book to publishers or agents, this question needs to be answered. In fact, you should start thinking about your potential market when you start writing your novel, and possibly before, when you’re deciding what you’re going to write about.

I’ve even been told that you need to be pretty specific about your readers. Will they be women or men? What age group? What social background? What profession are they likely to be in? And lots of other stuff.

Well, I failed miserably to address this question when I wrote my book.
I never thought that my potential readers would fit into a specific category. I don’t even like the word category when it comes to people.

I understand that a person may like to read a specific genre: romance, fantasy, horror, thriller, etc, so, I guess that my book could appeal to readers who like romance. The problem is that my novel doesn’t exactly follow your typical romantic plot, it has elements of mystery, humour and surrealism, in places.

So far, among the people I personally know who liked the book, we have: the teenage girl who’s still at school, the geeky programmer (guy), a retired nurse (woman), three scientists (all guys), various professional women between their 20s and 40s. So, how am I supposed to categorize these people?

Not to mention that I myself, like different genres. As well as reading non-fiction, I just love a good story. Full stop. It doesn’t matter if it’s romance, sci-fi, comedy, fantasy, thriller, as long as the book keeps me entertained, I will read it.

So going back to my first question: who is my book meant for? I don’t know. That is the truth. What I do know though, is that when I think of the reader who holds my book, I imagine a person who has high expectations. This person is well-read, intelligent, has feelings, emotions, thoughts, and my duty as a writer is to treat her with the highest respect. This reader has invested money in buying my book and is investing her precious time reading what I have to say. So, my biggest concern is not let her down. That is easier said than done. I will fail, occasionally, but I hope it’s only occasionally, and not more often.

Come nasce un libro. Parte 4: il Chi

“Per chi è stato scritto il libro?” Quando mandi il tuo libro ad agenti e case editrici, questa domanda deve avere una risposta. In realtà, dovresti già pensare al tuo potenziale mercato quando inizi a scrivere il tuo romanzo, anzi, addirittura prima, quando stai decidendo che cosa scriverai.

Mi hanno anche detto che dovresti essere piuttosto specifico nell’individuare i tuoi lettori. Saranno donne o uomini? Di che età? Di quale estrazione sociale? Che tipo di professione eserciteranno? E un sacco di altra roba.

Beh, io ho fallito miseramente in quanto non mi sono mai posta questa domanda, quando ho scritto il libro.
Non ho mai pensato che i miei potenziali lettori cadessero in determinate categorie. Non mi piace nemmeno la parola categoria, quando ci si riferisce a delle persone.

Capisco che un individuo possa amare un genere specifico: il romanzo rosa, l’orrore, il thriller, il fantasy, ecc, quindi immagino che il mio libro possa attrarre quei lettori che amano le storie d’amore. Il problema è che il mio romanzo non segue la tipica trama di una storia romantica, ha degli elementi di mistero, di humour e anche qualcosa di surreale, a tratti.

Finora, tra i lettori che conosco personalmente, a cui è piaciuto il libro ci sono: la ragazzina che va ancora a scuola, il programmatore matto per i computer, un’infermiera in pensione, tre scienziati, varie donne professioniste tra i 20 e i 40 anni. Quindi, come dovrei categorizzare queste persone?

Per non dire del fatto che io stessa, amo generi diversi. Oltre a leggere libri di saggistica, mi piace semplicemente tuffarmi in una bella storia. Punto. Non ha importanza se si tratta di un romanzo rosa, commedia, libro di fantascienza, thriller, basta che riesca a coinvolgermi, leggo volentieri.

Quindi, tornando alla prima domanda: per chi è stato scritto il mio libro? Non lo so. Questa è la verità. Ciò che so, però, è che quando immagino il lettore che ha in mano il mio libro, penso a qualcuno che ha certe aspettative. Una persona che legge molto, è intelligente, ha dei sentimenti, emozioni e pensieri, e il mio dovere da scrittrice è trattarla col massimo rispetto.
Questo lettore ha investito il suo denaro quando ha acquistato il mio libro, e sta investendo il suo prezioso tempo per leggere cosa ho da dire. Quindi la mia premura è quella di non deluderlo.
Più facile dirlo che farlo. Sicuramente qualche volta fallirò nel mio intento, ma spero sia solo qualche volta, e non più spesso.



Leave a comment